sindacati

Manovra, sindacati in piazza il 9 febbraio: “futuro al lavoro”

Interventi concreti per dare un “futuro al lavoro”. E’ la richiesta che Cgil, Cisl e Uil rivolgeranno al governo da Piazza san Giovanni, sabato 9 a Roma, portando per le strade della capitale la protesta contro la manovra e contro il comportamento dell’esecutivo, che ha incontrato le parti sociali solo dopo aver fatto la legge

Manovra, cresce la protesta: Pd e sindacati pronti alla piazza

Il Pd chiama a manifestare davanti alla Camera il 29 dicembre contro il governo e la maggioranza, che quel giorno a Montecitorio conta di far approvare definitivamente la manovra economica passata la notte scorsa al Senato in un clima rovente. In un rovesciamento dei ruoli della legislatura passata, quando era soprattutto il M5S a protestare,

Langella (Fit Cisl): «Occupata la sede di Città Metropolitana Napoli dai sindacati Ctp»

«Ancora una volta la Città metropolitana disattende gli impegni presi con i lavoratori. Ci hanno comunicato che non verranno pagati gli stipendi entro il 5 ottobre, come promesso, e soltanto hanno versato ai lavoratori lo stipendio di agosto. Questo si aggiunge ai sei mesi di arretrati sui blocchetti dei ticket pasto. Chiediamo le dimissioni dell’amministratore

Contratti, Confindustria e sindacati firmano l’accordo: ecco cosa prevede nuovo modello

Firmato l’accordo sul nuovo modello contrattuale e di relazioni industriali dal presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, e dai leader di Cgil, Cisl e Uil, Camusso, Furlan e Barbagallo, dopo la sigla del testo nella notte del 28 febbraio. Conferma i 2 livelli di contrattazione (nazionale e aziendale o territoriale), indica i criteri di calcolo degli

Tim, sindacati: no scadenze imposte o insuccesso negoziato

“La grande complessità delle tematiche esposte ed i passaggi democratici necessari non possono essere bypassati da una scadenza imposta unilateralmente dall’azienda, pena il rischio di insuccesso del negoziato con le relative conseguenze”. Lo affermano in una nota Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom in merito alla richiesta di Tim di un accordo sulle uscite volontarie entro il

Sindacati, Cgil-Cisl-Uil: per 2018 lavoro, fisco, giovani. Meno tasse su salari

 Lavoro, fisco, giovani. Sono queste le grandi sfide che i sindacati chiedono di mettere al centro dell’azione politica nel 2018. “Il nostro augurio – dice la Cgil – è che venga affrontato seriamente il vero tema del Paese cioè il lavoro, con diritti e tutele, creando occupazione in particolare femminile e giovanile”. Per la Cgil,

Pensioni: pressing governo per l’intesa. Sindacati spaccati. Cgil: il 2 dicembre mobilitazione

Pressing del governo per un’intesa sulle pensioni. Ma le confederazioni si dividono: la Cgil boccia il pacchetto del governo, rilevando le “gravi insufficienze” presenti, e annunciando una mobilitazione per il 2 dicembre. La valutazione della Cisl, invece, è positiva. E anche secondo la Uil, è stato fatto il “massimo possibile e si è aperta una breccia”. L’Esecutivo, dunque, ha presentato

Pensioni: il governo convoca i sindacati il 2 novembre

Il premier Paolo Gentiloni ha convocato i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil il 2 novembre a Palazzo Chigi. Lo si apprende da fonti sindacali. I sindacati avevano chiesto al presidente del Consiglio un incontro sulle pensioni. Fornero, attenzione a modificare legge – “Tutti contenti della proposta Renzi? Non voglio rovinare la festa, ma attenzione

Trasporti, Anm: non c’è accordo tra Comune Napoli e sindacati

Comune di Napoli e sindacati non sono riusciti a trovare l’accordo per salvare dal fallimento l’Anm (Azienda napoletana mobilita’). L’incontro di oggi, che segue altri faccia a faccia avvenuti nelle scorse settimane, non ha avvicinato le parti che restano distanti sulle misure da mettere in campo per salvare l’azienda dal baratro. Ma la trattativa va

M5S, Luigi Di Maio avverte i sindacati: “Autoriforma o faremo noi”

“O i sindacati si autoriformano o quando saremo al governo faremo noi la riforma”. E’ dal palco del festival del Lavoro di Torino che arriva il primo vero affondo del candidato premier Luigi Di Maio. Il neo-leader del M5S conferma la linea dura del Movimento nei confronti dei sindacati scatenando una ventata trasversale di proteste: