rating

Agenzie rating: ecco le date degli ‘esami’ per l’Italia

Dopo l’allarme crescita per l’Italia lanciato dal Fondo monetario internazionale e dall’Ue, il nostro Paese aspetta ‘l’esame’ delle agenzie di rating. Commissione Ue e Fmi hanno tagliato drasticamente le stime del Pil per il 2019 e ulteriore pressione e’ arrivata dal dato sulla produzione industriale a dicembre che ha registrato la maggior flessione tendenziale da

L’economia italiana rallenta: Fitch conferma rating Italia

L’economia italiana rallenta. Nel secondo trimestre dell’anno il Pil è cresciuto dello 0,2% contro il +0,3% dei due trimestri precedenti e il +0,4% di metà 2017. Su base annua le cose sono andate un po’ meglio, con una crescita dell’1,2% che l’Istat ha rivisto al rialzo rispetto alle prime stime. Ma il ritmo non è

Ecco le principali scadenze ‘revisione rating’ Italia

Lo spread dell’Italia ha ripreso a correre e venerdi’ scorso ha chiuso sopra quota 260, il nostro Paese e’ nel mirino degli investitori e il sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti si aspetta un’imboscata dei mercati per fine agosto. Il motivo? Intanto perche’ agosto e’ tradizionalmente un mese di allerta sui mercati del

Rating gonfiati, multa a Moody’s di 864 mln dollari: Italia perde ultima ‘A’

L’agenzia internazionale Moody’s ha patteggiato il pagamento di 864 milioni di dollari alle autorità federali e statali Usa per porre fine all’inchiesta nata dall’accusa di aver gonfiato il rating di mutui ipotecari rischiosi negli anni che hanno portato alla crisi finanziaria del 2008-2009. L’agenzia canadese Dbrs intanto ha tagliato il rating sull’Italia a BBB. L’Italia

S&P rivede al ribasso la crescita dell’Italia: pil 2016 +0,9%, rating resta BBB-

Standard & Poor’s conferma il rating ‘ BBB-‘ dell’Italia. L’outlook e’ stabile. Standard & Poor’s rivede al ribasso la crescita italiana per il 2016 e 2017. Quest’anno il pil crescera’ dello 0,9% rispetto all’1,1% previsto in precedenza. Nel 2017 la crescita sara’ dello 0,8% rispetto all’1,3% inizialmente previsti.