estradizione

Cesare Battisti arrestato in Bolivia: in Italia lunedì pomeriggio

Cesare Battisti, la fuga è finita. “Rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma. Poco fa ho sentito al telefono il Presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, che ho voluto ringraziare a nome di tutto il governo italiano per l’efficace collaborazione che ha portato alla cattura

Igor accetta l’estradizione, ma dopo l’inchiesta in Spagna: è caccia alla ‘rete’ di contatti

‘Igor’ ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo Carmen Lamela e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l’eventuale consegna, è emerso sempre dall’udienza di convalida

Cesare Battisti: ‘Ho compassione per le vittime’

“Come non ho compassione per le vittime? Certo che ho compassione per le vittime. Io ho 62 anni, ho moglie e figli, ho nipoti, già sono nonno”. Lo ha detto Cesare Battisti in un’intervista al Gr1 Rai, all’indomani della decisione dell’Alta Corte brasiliana di rinviare di una settimana l’esame del suo caso. “Qualcuno – prosegue

Cesare Battisti: “Non temo l’estradizione, protetto dall’asilo”

Arresto in Brasile confermato per Cesare Battisti: lo ha deciso il giudice federale, Odilon de Oliveira, durante l’udienza di custodia svoltasi in videoconferenza nella sede della polizia federale di Corumba’. Il magistrato ha ritenuto che ci fossero i presupposti per la custodia cautelare in carcere. Secondo il giudice del Mato Grosso do Sul – stato del Brasile

Stupri di Rimini: Polonia chiederà l’estradizione degli arrestati

Davanti al Pm della Procura di Rimini che lo ha interrogato ieri, il congolese 20enne Guerlin Butungu, ritenuto il capo del ‘branco’ accusato dei due stupri di Miramare, si è detto estraneo alle violenze. “Dopo essere stato ad una festa in spiaggia, bevuto un drink e mezzo, mi sono addormentato”, avrebbe riferito agli inquirenti. “Quando

Riciclaggio, il re delle slot machine Francesco Corallo estradato: arrivato a Roma. Decorsi arresti: ora obbligo dimora e firma

Rientra in Italia oggi all’aeroporto di Fiumicino, scortato da agenti del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia (Scip) del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Francesco Corallo, il catanese arrestato a Saint Martin (Antille Olandesi) il 13 dicembre 2016 nell’ambito dell’operazione ‘Rouge et Noir’ assieme al suo presunto braccio destro Rudolf Theodoor Anna Baetsen. Corallo, secondo