antimafia

Pd chiede commissione antimafia: è un dovere verso chi lotta ogni giorno

“Abbiamo votato l’istituzione della Commissione d’inchiesta parlamentare sul fenomeno mafioso come gesto di responsabilita’ nei confronti di chi lotta quotidianamente contro un fenomeno la cui portata non e’ solo legata all’impatto criminale e penale ma anche ai risvolti politici e sociali, verso gli operatori della giustizia e delle forze dell’ordine, e verso quei cittadini che

Mafia, Cafiero De Raho: “Il sequestro dei beni deve essere più rapido”

“Quello che e’ successo a Bitonto e’ un fatto gravissimo. Ma attenzione: perche’ non e’ militarizzando i territori infestati dalle mafie che risolveremo i problemi di sicurezza e di ordine pubblico in Italia. Le organizzazioni criminali vivono di guadagni derivanti dai traffici illeciti, a cominciare dalla droga e dal racket: per cui servono inchieste rapide,

Massoneria, Antimafia: “Per alcuni è tutt’uno con la mafia e incide sulla giustizia”

“Con il sequestro non e’ stato possibile venire in possesso degli elenchi effettivi degli iscritti perche’ presso le sedi ufficiali forse neanche ci sono” e comunque “non consentono di conoscere un’alta percentuale di iscritti, occulti grazie a generalita’ incomplete, inconsistenti o generiche. Il vincolo di solidarieta’ tra fratelli consente il dialogo tra esponenti mafiosi e

Antimafia, sono 7 gli ‘impresentabili’: sei in Sicilia e uno a Ostia

Le risultanze della verifica delle candidature alle elezioni del 5 novembre scorso emerse dal lavoro della commissione parlamentare antimafia sono “numericamente limitate”. Lo ha detto la presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi. Si tratta in tutto di 7 situazioni rilevate, di cui 6 in Sicilia e 1 a Ostia. Una di queste rientra le condizioni

Cafiero De Raho come Falcone: “Condividere indagini”. I referenti politici strumento fondamentale dei clan

 “Uffici collegati tra di loro con la procura nazionale in modo tale che ci sia un’effettiva circolarita’ delle notizie, ma che venga anche assicurata la riservatezza nei casi in cui e’ necessaria”. Cosi’ Giovanni Falcone, davanti alla commissione del Csm che lo ascoltava come aspirante procuratore nazionale antimafia nel febbraio 1992 delineava la nuova Superprocura

Il napoletano Cafiero De Raho è il nuovo procuratore nazionale antimafia

Il nuovo procuratore nazionale antimafia è Federico Cafiero de Raho, che ora è il capo della procura di Reggio Calabria. Lo ha nominato il plenum del Csm all’unanimità, dopo che ieri il Pg di Palermo Roberto Scarpinato aveva ritirato la propria candidatura. Napoletano, 65 anni, de Raho è stato a lungo pm a Napoli e

Procuratore antimafia, Csm nomina Cafiero de Raho: si va verso voto a unanimità

 Domani il plenum del Csm nominera’ nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, che dal 2013 e’ il capo della procura di Reggio Calabria. Sara’ dunque lui a succedere a Franco Roberti che lascia la magistratura per raggiunti limiti di eta’. La decisione era attesa (un mese fa de Raho fa aveva

Csm, attesa per procuratore nazionale antimafia: 8 novembre la nomina. Favorito e’ De Raho

 La prossima settimana, l’8 novembre, il plenum del Csm nominera’ il successore di Franco Roberti al vertice della procura nazionale antimafia e antiterrorismo. Il favorito e’ l’attuale procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho: in Commissione ha ricevuto cinque voti a favore a fronte di un solo consenso andato al suo diretto concorrente, il

Elezioni in Sicilia, Luigi Di Maio a Rosy Bindi: “Subito elenco degli impresentabili”

“Abbiamo sollecitato la presidenza della Commissione parlamentare antimafia: faremmo infatti ridere il mondo se davvero si dessero i nomi degli impresentabili solo dopo le elezioni… Noi abbiamo presentato un elenco, Cancelleri lo ha consegnato alla presidente Bindi, adesso abbiamo bisogno dell’ufficialita’ riguardo persone che sono indagate, arrestate, sotto processo, condannate… Siamo preoccupati per il voto