Elezioni europee, clima infuocato: Salvini con La Pen

Superato lo scoglio del ‘caso Siri’ con la revoca della nomina a sottosegretario, il clima nel governo non accenna tuttavia a rasserenarsi, complice anche la campagna elettorale per le europee entrata ormai nel vivo. Nuovi fronti dividono i due alleati, come la battaglia sui negozi che vendono cannabis light. Ma anche vecchie divisioni che hanno visto contrapporsi Lega e M5s tornano a galla: Matteo Salvini ha infatti rilanciato con forza il tema dell’Autonomia, sul quale i pentastellati frenano; fa poi nuovamente discutere le due ‘anime’ dell’esecutivo la questione immigrazione e sbarchi, con un nuovo round tra il titolare del Viminale e la ministra della Difesa Elisabetta Trenta. Altro ‘nodo’ il decreto Crescita, all’esame della Camera e nel quale sono contenute le norme ‘Salva Roma’, invise alla Lega. Ma anche lo ‘Sblocca cantieri’ potrebbe trasformarsi in un nuovo terreno di scontro tra M5s e leghisti, visto che questi ultimi punterebbero ad inserire la Tav tra le opere da sbloccare in tempi brevi. E piu’ si avvicina la data delle elezioni europee, piu’ i due vicepremier ‘marcano’ le differenze tra le linee dei due partiti di governo. Salvini ha ‘prenotato’ da tempo l’ultimo sabato disponibile per i comizi, prima del weekend di silenzio elettorale, per tenere la chiusura della campagna della Lega a Milano sabato prossimo, 18 maggio. Il capo del partito di via Bellerio ha voluto organizzare una grande manifestazione in piazza Duomo: sono un centinaio i pullman gia’ prenotati in tutta Italia, e l’obiettivo dei leghisti e’ di superare le 50mila presenze stimate nell’ultima grande manifestazione in piazza Duomo che si svolse il 24 febbraio dell’anno scorso, prima della politiche del 4 marzo. Appuntamento alle 15 ai bastioni Porta Venezia per il corteo che portera’ i manifestanti in piazza dove, intorno alle 16:30, inizieranno i comizi. La manifestazione coincide anche con il debutto di Salvini e Marine Le Pen per la prima volta sul palco insieme. Malgrado la loro alleanza risalga al 2014, con l’invito al congresso dell’allora Front national a Lione, la leader del francese Rassemblement national e il segretario leghista non hanno mai tenuto un comizio insieme, anche se sono apparsi fianco a fianco piu’ volte in occasioni pubbliche o conferenze stampa a suggellare l’alleanza che ha dato vita al gruppo Enf a Strasburgo. Alla manifestazione organizzata dalla Lega – dal titolo ‘Prima l’Italia. L’Europa del buonsenso’ – parteciperanno anche altri esponenti dei partiti con cui Salvini ha stretto recenti alleanze, proprio in vista del voto europeo, allargando le ‘maglie’ dell’Enf. Quanto ai lavori parlamentari – prima dello stop di una settimana per consentire il rush finale della campagna elettorale – l’Aula di Montecitorio sara’ impegnata gia’ da domani, lunedi’ 13 maggio, con il voto definitivo sull’applicabilita’ delle legge elettorali a prescindere dal numero dei parlamentari, norme collegate alla riforma costituzionale che riduce il numero di deputati e senatori. Sempre a Montecitorio si attende in settimana il voto sul decreto Brexit, gia’ approvato dal Senato. Al centro dei lavori di Montecitorio, poi, la riforma bipartisan dell’assegno spettante a seguito di scioglimento del matrimonio o dell’unione civile. Al Senato, invece, torna martedi’ 14 maggio in Aula per la terza lettura il ddl sul voto di scambio politico-mafioso, dopo le modifiche apportate al testo durante l’iter nell’altro ramo del Parlamento. Infine, dovrebbe partire l’esame nell’Aula di palazzo Madama delle proposte di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle strutture per anziani e disabili.

 

 

Fonte Foto: La Stampa