Elezioni regionali in Basilicata, corsa a quattro: si vota fino alle 23

Sono stati aperti alle ore 7 i seggi elettorali per le elezioni regionali in Basilicata. Gli elettori chiamati alle urne sono 573.970. Voteranno fino alle 23 per eleggere, oltre al presidente della Regione, i 20 componenti del consiglio regionale: 13 in provincia di Potenza e sette in rappresentanza di quella di Matera. Nel Potentino gli elettori sono 397.105, nel Materano, 176.865. Subito dopo le 23 inizierà lo spoglio delle schede.

Quattro candidati, ma nessun politico di professione. Chiunque vinca, il nuovo presidente della Regione Basilicata, chiamata oggi alle urne, sara’ espressione della societa’ civile e non direttamente di partiti o movimenti. Gli schieramenti in campo, per quello che si profila come un importante test politico anche in funzione degli equilibri nazionali, propongono alla guida della regione lucana professionisti pronti all’impegno istituzionale. A testimonianza della rilevanza dell’appuntamento, dopo le Regionali in Sardegna e in Abruzzo, e a ridosso delle Europee, c’e’ stata la presenza, costante e ripetuta, durante la campagna elettorale, di tutti i leaders nazionali.

Il Movimento Cinque Stelle propone Antonio Mattia, 47 anni, di Potenza, laureato in giurisprudenza e gestore di un centro ludico-ricreativo per bambini e famiglie nel capoluogo lucano. Mattia e’ sostenuto dalla sola lista pentastellata, dopo aver vinto vinto le “regionarie” sulla piattaforma Rousseau.

A scegliere come candidato della coalizione di centrodestra l’ex generale della Guardia di Finanza Vito Bardi, 68 anni, potentino d’origine residente a Napoli, e’ stato Silvio Berlusconi in persona. Bardi ha un robusto curriculum: 4 lauree, un master e svariati incarichi di comando svolti durante la carriera militare. A sostenerlo ci sono cinque liste: Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Bardi Presidente-Basilicata positiva e Idea-Un’Altra Basilicata.

A raccogliere la pesante eredita’ di Marcello Pittella, dopo gli scandali legati alla sanita’, per il centrosinistra, e’ chiamato Carlo Trerotola, 61 anni, altro potentino, titolare di una farmacia nel capoluogo. Con lui sette liste: Comunita’ democratiche-Pd, Basilicataprima Riscatto, Progressisti per la Basilicata, Psi, Lista del Presidente Trerotola, Avanti Basilicata e Verdi.

Completamente sganciato dai partiti e’ il quarto candidato governatore: Valerio Tramutoli, 61 anni, anche lui di Potenza. Docente di fisica dell’Universita’ degli studi della Basilicata, corre con l’appoggio dalla sola lista “Basilicata possibile”.