Decretone: Lega punta a includere comunicatori in platea Inpgi

Ampliare la platea degli iscritti all’Inpgi, la cassa di previdenza dei giornalisti, includendovi dal 2020 anche i comunicatori professionali, sia in ambito pubblico che privato, nonche’ coloro che svolgono attivita’, anche di natura tecnico-informatica, inerente la produzione, il confezionamento o la fruibilita’ di contenuti a carattere informativo diffusi sul web o su altro canale multimediale. Lo prevede un emendamento della Lega al decretone presentato nelle commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera. Nel caso di lavoro autonomo l’iscrizione prevista sarebbe alla gestione separata dell’Inpgi, come gia’ avviene per i giornalisti. In caso di lavoro subordinato, l’iscrizione avverrebbe limitatamente alle assicurazioni per invalidita’, vecchiaia e superstiti e, se dovute, a quelle per disoccupazione e assegno nucleo familiare.