Pd: Zingaretti in vantaggio di 10 punti su Martina

Resta intorno ai dieci punti il vantaggio di Zingaretti sull’immediato inseguitore Martina, mentre crescono i consensi per Giachetti: questo il responso dei dati dei congressi dei circoli Pd elaborati da Youtrend. Dopo i primi 349 circoli, Zingaretti e’ in vantaggio con poco piu’ di 3.800 voti, pari al 45,1% nazionale, ma in lieve flessione rispetto ai primi dati (ieri era al 46,3%). Sostanzialmente stabile Maurizio Martina, con il 35,2% (ieri, il dato su 7.000 votanti era 35,3%). A seguire, Giachetti al 14%, in crescita rispetto alle prime rilevazioni (12,3% il dato di ieri). Grazie a un exploit nel congresso di Rovigo, Francesco Boccia e’ intanto balzato al 4,1%. Bisogna sottolineare, pero’, che si tratta di un dato da prendere con le pinze, dato che negli altri circoli pervenuti Boccia ha raccolto appena 44 voti in tutto. Peraltro il congresso di Rovigo non e’ nuovo a sorprese, come nel 2017 quando Emiliano ottenne li’ un risultato migliore che a Bari. Sotto l’1%, per ora, Maria Saladino e Dario Corallo. Va sottolineato che buona parte della differenza a favore di Zingaretti proviene dalle due regioni dalle quali sono arrivati piu’ voti: Emilia Romagna e Toscana. Martina, invece, e’ avanti in Liguria, Lombardia, Puglia, Umbria e, seppur di poco, in Veneto, oltre che nella provincia di Firenze. Giachetti, infine, e’ primo in Sardegna (dopo solo un circolo), vicino a Zingaretti in Piemonte ed e’ lanciato verso un discreto risultato in Lombardia. Dati non ufficiali, ci tiene a precisare la Commissione Congresso del Pd riunita in questi giorni. “La Commissione nazionale per il Congresso, all’unanimita’, ha deciso, vista l’esiguita’ dei voti espressi finora, di rendere noto dopo questo fine settimana i dati parziali che saranno certamente piu’ significativi tenuto conto che la rilevazione sara’ piu’ importante”, sottolinea il presidente della Commissione nazionale del Congresso. “I Congressi di circolo svolti dal 7 al 13 gennaio 2019, i cui risultati sono stati comunicati dalle Commissioni provinciali alla Commissione nazionale per il Congresso, sono infatti 246. Gli aventi diritto coinvolti in tali Congressi sono stati 10.972 pari al 2,77% del totale. I votanti complessivi risultano essere 5.360 pari a circa il 50% degli aventi diritto”. Per la Commissione, dunque, “e’ evidente che questo dato e’ assolutamente parziale e poco indicativo del risultato finale, anche in considerazione del fatto che i 246 congressi sono distribuiti in sole 10 regioni, molte delle quali del Nord. Di conseguenza qualsiasi altro dato diffuso non e’ ufficiale”.