Lavoro: Italia top in Ue per part time che vorrebbero tempo pieno

Quasi due terzi delle persone che lavorano part time in Italia lo fa perché non riesce a trovare un’occupazione a tempo pieno, mentre appena il 2,1% dà come spiegazione al tempo ridotto un impegno nello studio. Il dato, contenuto in una tabella Eurostat sulle ragioni per la scelta del part time in Europa, conferma la sostanziale mancanza nel mercato del lavoro italiano della figura dello studente lavoratore ma anche dell’esistenza di una grande forza lavoro potenziale non utilizzata al di là del tasso di disoccupazione registrato. Nel 2017 in Italia il 62,5% delle persone con un contratto part time tra i 15 e i 64 anni dava come ragione dell’orario ridotto la difficoltà di trovare un lavoro a tempo pieno, una percentuale in calo sul 2016 (64,3%), ma di molto superiore al 2008 (41,3%). Nel nostro Paese la percentuale è la più alta dopo la Grecia e Cipro, lontanissima dalla media Ue (26,4%), ma soprattutto dalla Germania (11,3%) e dal Regno Unito (14,6%), mentre in Francia è sfiduciato sulla possibilità di ottenere un impiego a tempo pieno il 43,1% dei lavoratori part time. Il lavoro part time non sembra un’opzione frequente tra chi studia. Solo il 2,1% dei lavoratori part time ha dato come ragione dell’orario ridotto la partecipazione a un percorso educativo o di training, in aumento dal 2016 ma in forte calo dal 2008 (5,5%). In Europa le percentuali sono lontanissime con la Germania all’11,2% dei lavoratori part time impegnati nello studio e nel training e il Regno Unito al 12,9%. Se si guarda poi alla fascia di età tradizionalmente impegnata nello studio ma potenzialmente impiegabile nel lavoro (15-29 anni) in Italia solo il 9,9% dei lavoratori part time dice di avere questo contratto per motivi di studio (57,5% in Germania, 75,4% in Danimarca) a fronte del 79%(top in Ue) che se lo tiene perché non riesce a trovare un lavoro a tempo pieno (10,4% in Germania, 29,7% nella media Ue). Tornando alla fascia tra i 15 e i 64 anni solo il 16% dà come motivazione del part time la cura dei figli o di altre persone (21,1% tra le donne) e il 5,1% per altre responsabilità familiari (6,2% tra le donne), un dato inferiore rispetto alla media Ue (rispettivamente 22,1% per la cura dei figli e il 13,4% per la responsabilità familiare). Questi dati naturalmente tengono conto del fatto che in Italia la partecipazione al lavoro femminile è di molti punti inferiore alla media europea e che ci sono già molte donne inattive anche a causa degli impegni familiari. Solo l’1,7% di chi è in part time in Italia dichiara che la scelta è legata alla propria “malattia o disabilità” (4,4% in Ue) mentre il 12,6% ha motivazioni varie che rientrano nell’ “altro”.