Papa Francesco battezza nella Cappella Sistina 28 bambini: “Prima predica di Gesù è stato un pianto”

Papa Francesco e’ entrato nella Cappella Sistina dove stamane, nella solennita’ del Battesimo del Signore, ha celebrato la messa nel corso della quale ha amministrato il sacramento del Battesimo a 28 neonati, 15 bambini e 13 bambine, per lo piu’ figli o nipoti di dipendenti vaticani. E’ la quarta volta nell’arco del suo pontificato che papa Bergoglio rinnova questa tradizione, nata con Giovanni Paolo II e proseguita poi con Benedetto XVI. La messa nella Sistina ha la particolarita’ che l’altare e’ posto adiacente alla parete di fondo, quella affrescata da Michelangelo col Giudizio Universale, e quindi il Papa celebra la liturgia di spalle rispetto ai fedeli, com’era nel rito pre-conciliare.

Hanno concelebrato la messa con il Papa il prefetto della Casa Pontificia, mons. Georg Gaenswein, l’elemosiniere apostolico mons. Konrad Krajewski, il presidente della Pontificia accademia ecclesiastica mons. Giampiero Gloder e il segretario del Governatorato vaticano, mons. Fernando Vergez Alzaga. Durante la messa si preghera’, tra l’altro, per i bambini che soffrono, perche’ “il Signore susciti sempre uomini e donne capaci di chinarsi su di loro con carita’ instancabile”.

“E’ incominciato il concerto, eh?”. Lo ha detto papa Francesco, scherzando sul pianto dei bambini, durante la messa. “Perche’ i bambini si trovano in un posto che non conoscono – ha sottolineato -, si sono alzati prima del solito, forse. Incomincia uno, da’ la nota, e poi gli altri scimmiottano e tutti piangono… E qualcuno piange semplicemente perche’ ha pianto l’altro”. “Gesu’ ha fatto lo steso eh? – ha quindi detto il Pontefice -. A me piace pensare che la prima predica di Gesu’ nella stalla e’ stato un pianto”.

“Siccome la cerimonia e’ un po’ lunga, qualcuno piange di fame… Se e’ cosi’, voi mamme allattateli senza paura, con normalita’, come la Madonna”, ha affermato affettuosamente Bergoglio. 

Il Papa ha voluto cosi’ infrangere ancora una volta il tabu’ di chi vuole impedire alle mamme di allattare in pubblico.

Papa Francesco: “Cari genitori, voi avete chiesto per i vostri bambini la fede, la fede che sara’ data nel battesimo. La fede. Cio’ significa vita di fede, perche’ la fede va vissuta. Camminare sulla strada della fede e dare testimonianza della fede. La fede non e’ recitare il Credo le domeniche quando andiamo a messa, non e’ solo questo La fede e’ credere quello che e’ la verita’: Dio Padre che ci ha dato suo Figlio e lo Spirito che ci vivifica. La fede e’ anche affidarsi a Dio e questo voi dovete insegnare loro con il vostro esempio, con la vostra vita. Perche’ la fede e’ luce. Nella cerimonia del battesimo vi sara’ data una candela accesa come nei primi giorni della Chiesa e per questo il battesimo si chiamava allora ‘l’ illuminazione’, perche’ la fede illumina il cuore e fa vedere le cose con un’altra luce. Voi avete chiesto la fede: la Chiesa da’ la fede col battesimo, voi avere il compito di farla crescere, custodirla e che divenga testimonianza per tutti gli altri. Questo e’ il senso di questa cerimonia. E soltanto questo volevo dirvi: custodire la fede, farla crescere, che sia testimonianza per gli altri. Per tutti, anche per noi vescovi e sacerdoti”.