Italia, imprese: 65mila create dai giovani

Sono 65 mila le imprese di giovani (under 35) nate nei primi sei mesi del 2016 in Italia e quasi 10mila con sede in Lombardia. Milano con 3.538 imprese e un peso del 5,4% sul totale nazionale è tra le prime aree per concentrazione di nuove imprese giovani, dopo Roma che è prima con 4.732 (7,2%) e Napoli (4.403, 6,7%). E’ quanto emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al secondo trimestre 2016.

Il 30% delle imprese nate nel 2016, è in mano a titolari con meno di 35 anni con punte di circa il 40% a Caltanissetta, Isernia, Cuneo, Napoli e Enna. Tra le imprese giovani una su tre (30%, circa 20 mila) è in mano a donne e una su cinque (20,6%, quasi 14 mila) in mano a stranieri. Se le donne pesano di più a Grosseto (38% delle neo imprese sono femminili), Lucca, Pistoia, Rimini e Siracusa (tutte al 36%) è Prato la regina delle imprese straniere, con il 52,3% delle imprese giovani nate nel 2016 in mano a titolari nati all’estero, seguita da Reggio Emilia (39,9%), Milano (38%) e Firenze (37,1%).

Le imprese di giovani nate nel 2016 in Lombardia. Sono 9.503 le imprese giovani (con titolari under 35) nate tra gennaio e giugno 2016, 52 al giorno, e pesano il 14,5% del totale italiano. Milano è prima con 3.538 imprese seguita da Brescia (1.190), Bergamo (971), Varese (774) e Monza (719). Le imprese giovani pesano sulle nuove nate soprattutto a Sondrio (36,7% delle nuove iscritte) e Como (31,8%) e se Pavia e Sondrio sono i territori dove le donne pesano un terzo delle imprese iscritte nel 2016 (rispettivamente 33,4% e 32,1%) gli stranieri pesano soprattutto a Milano (38% delle nuove iscritte giovani), Mantova (32,1%) e Cremona (31,2%).