Matteo Renzi prepara la “ristrutturazione” della segreteria del Pd

Matteo Renzi muove le prime mosse nel Pd dopo i ballottaggi dai quali i dem sono usciti con le ossa rotte. Uno dei primi passaggi riguarda la segreteria, alla quale il premier-segretario sta lavorando in queste ore (stamattina Lorenzo Guerini ha fatto visita a palazzo Chigi) in vista della Direzione di venerdì prossimo.

L’arrivo di una ‘nuova’ segreteria era stato già annunciato da tempo da Renzi, ma dopo il voto amministrativo la pratica è stata accelerata. Ai piani alti del Nazareno si parla, però, di una “ristrutturazione” del ‘board’ democratico e non di un azzeramento. Le novità, comunque, non mancheranno, a cominciare da un taglio maggiormente politico dell’organismo su cui Renzi sta ragionando in queste ore.

In quest’ottica potrebbero entrare alcuni governatori, come quello del Lazio Nicola Zingaretti (che però avrebbe alcuni dubbi), della Toscana Enrico Rossi o dell’Emilia Stefano Bonaccini. Oppure l’ex governatore emiliano Vasco Errani (Renzi oggi l’ha sentito per esprimergli amicizia dopo l’assoluzione nel processo Terremerse). Potrebbe rientrare anche Luca Lotti e trovare spazio anche qualche sindaco come, a nome del Sud, quello di Bari Antonio Decaro.

Fonte: adnKronos