Napoli, Beppe Grillo: “La città è una riserva indiana. Qui la camorra è folclore”

“Napoli è una riserva indiana, una non città-città. Qui la camorra è diventata folclore, una Cinecittà. Portano i turisti a vedere dove è avvenuto il delitto che è stato rappresentato in una serie tv”. Lo dice Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, a Napoli a Optima Italia, come riportato dall’Ansa.

“Qui il traffico è come internet, ha dei flussi. Si sono spenti i semafori per una settimana; non se ne è accorto nessuno ma è l’unico modo perchè il flusso possa andare. Per gestire la città ci sono intelligenze e fantasia. Tutti i grandi tecnici, artisti che conosco hanno Dna del Sud”.

Grillo lancia una ulteriore provocazione: “Serve un algoritmo: se tradisci il programma vieni espulso”.  “Noi – ha spiegato – stiamo lavorando a un programma, il cosiddetto ‘blockhain’, cioè le catene di blocco per l’informazione criptata. Hai un algoritmo e non ci sono intermediari. Se usato in politica potrebbe essere interessante: se un parlamentare che hai votato non segue il programma viene automaticamente espulso”.