zingaretti

PD: Zingaretti presenta con Gentiloni e Calenda il nuovo simbolo per le elezioni europee

In alto il logo del Pd, con lo stemma del Pse, e in basso il riferimento a ‘Siamo Europei’. E’ il simbolo con cui il Pd si presenterà alle elezioni europee, presentato stamani dal segretario Dem Nicola Zingaretti, Paolo Gentiloni e da Carlo Calenda. SCARICA IL NUOVO LOGO PER LE ELEZIONI EUROPEE “E’ un simbolo – ha detto Zingaretti

Pd: Zingaretti incassa ok su alleanze e prepara lo schema per le elezioni europee

Alla prima direzione nazionale da segretario Nicola Zingaretti chiama alla riscossa e il Partito Democratico risponde compattamente. Un risultato niente affatto scontato alla vigilia, viste le prese di posizione dell’ex maggioranza renziana negli ultimi giorni. Dalla mozione Giachetti, in particolare, si sono fatti sempre piu’ forti le critiche al segretario per le sconfitte nelle regioni

Pd: ecco il nuovo staff operativo dell’era Zingaretti – NOMI

In attesa dell’insediamento degli organismi esecutivi, d’intesa con il tesoriere, Luigi Zanda, il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, ha insediato presso la sede nazionale del Pd uno staff operativo, coordinato da Paola De Micheli, cosi’ composto: – Marco Miccoli per il coordinamento delle iniziative politiche; – Marina Sereni per il coordinamento delle attivita’ in

Zingaretti lancia nuovo Pd, Gentiloni eletto presidente Assemblea: Ascani e Serracchiani nominate vicepresidenti

Un partito nuovo, con nuova struttura e nuovo statuto, per arginare la ‘salvinizzazione’ del Paese. Nicola Zingaretti riceve l’imprimatur dell’Assemblea sulla sua elezione a segretario e quello che lancia dal palco dell’Ergife e’ un appello all’unita’, quasi un grido d’aiuto al popolo dem e non solo. Apre metaforicamente la porta all’associazionismo, al volontariato, ai movimenti

Pd, parte l’era Zingaretti: Martina e Lotti per posti in direzione. Mozione Giachetti-Ascani non votera’ Gentiloni presidente – ECCO ITER ASSEMBLEA

L’inizio ufficiale e’ previsto per le 10,30 di domani, domenica 17 marzo, ma la giornata dei leader del Partito Democratico comincera’, come da tradizione e salvo sorprese, all’alba con le ultimi riunioni delle correnti per assegnare i posti in direzione. Zingaretti ha infatti voluto accelerare l’iter per la formazione di tutti gli organi statutari dopo

Elezioni Europee: +Europa dice no a listone. Zingaretti: lista larga Pd

 L’incontro tra Nicola Zingaretti e il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova, ha prodotto il risultato che in molti si aspettavano: la lista unitaria con +Europa non ci sara’ e, probabilmente, tramonta anche l’idea di un listone unico europeista sul modello pensato da Carlo Calenda. A pesare e’ stata la costituzione troppo recente di +Europa,

Pd, Zingaretti: costruire partito diverso e cambiare sede nazionale

“Spalanchero’ porte e finestre per costruire” un partito “radicalmente diverso”: lo dice il segretario eletto del Pd, Nicola Zingaretti, a Che Tempo che fa su Rai1 annunciando anche che vorrebbe cambiare la sede del partito. “Vorrei anche cambiare la sede nazionale del Pd da via del Nazareno e costruire delle sedi a Roma ma in

Elezioni europee, renziani avvertono Zingaretti: nessun cedimento a sinistra

Il primo braccio di ferro dentro il Pd dell’era Zingaretti e’ sull’Europa e la collocazione del partito all’interno delle famiglie europee. A innescarlo e’ stata la scelta di Matteo Renzi di sottoscrivere l’appello di Emmanuele Macron, “Per un Rinascimento europeo”. Una scelta che appare come un primo “atto ostile” nei confronti del segretario eletto, Nicola

Pd, geografia nei gruppi: per Zingaretti 46 deputati e 18 senatori

Una maggioranza, sulla carta, ancora schiacciante quella di cui gode la componente renziana del Partito Democratico in Parlamento. Una maggioranza ‘inversa’ rispetto a quella uscita dai gazebo che apparentemente potrebbe rappresentare un ostacolo per Nicola Zingaretti. Ma, gia’ nelle ore immediatamente successive alle primarie, reazioni e commenti alla vittoria del governatore del Lazio hanno dato

Primarie Pd, stravince Zingaretti: “Voglio essere il leader non il capo”

Nicola Zingaretti è incoronato nuovo segretario del Pd con un bagno di consensi nel voto popolare delle primarie: con un’affluenza oltre il milione e settecentomila votanti, il governatore del Lazio ha ottenuto circa il 70 per cento, oltre un milione di preferenze, largamente al di sopra della maggioranza necessaria del 50% più uno. “Un risultato