vaccini

Vaccini, Beatrice Lorenzin: “Legge chiarissima, difficile sbagliare”

“La legge e’ chiarissima, difficile sbagliare”. Così, intervistata dal Messaggero, la ministra della Salute Beatrice Lorenzin risponde alla sindaca di Roma Virginia Raggi sulla legge sui vaccini. “Ho mantenuto una corrispondenza diretta col Comune di Roma e con Regioni quali la Lombardia e il Veneto”, spiega Lorenzin. “Siamo intervenuti con circolari esplicative anche se la

Vaccini: tutto quello che c’è da sapere per il ritorno a scuola

Niente nido o materna per chi non è vaccinato, anche se i genitori pagano la multa, mentre chi vuole che il proprio figlio sia esonerato deve chiedere un certificato che attesti il pericolo dall’immunizzazione al pediatra. Una serie di circolari del ministero della Salute e del Miur fanno chiarezza sui punti dubbi della legge sull’obbligo

Vaccini, dietrofront del governatore Zaia: stop moratoria in Veneto

Il Veneto ha deciso di sospendere il decreto di moratoria di due anni per l’applicazione delle norme sui vaccini. “Apprendiamo con soddisfazione la decisione del Veneto di allinearsi alla normativa nazionale”. Ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin dopo la decisione della Regione di sospendere l’esecuzione del decreto. Con la norma della Regione veniva concessa

Vaccini, governo contro il governatore veneto Zaia: scontro nel centrodestra

 Pressing delle ministre Fedeli e Lorenzin sul governatore del Veneto, Luca Zaia, perche’ faccia ‘marcia indietro’ sul decreto che prevede una moratoria fino al 2019-20 per la presentazione della documentazione che attesti l’avvenuta vaccinazione dei bambini per l’iscrizione a nidi e scuole materne. La richiesta e’ contenuta in una lettera inviata al governatore, il quale

Napoli, vaccini: caos e code per le certificazioni – VIDEO

A Napoli Asl prese d’assalto, code interminabili, tre giorni di attesa per un richiamo a un vaccino. Cresce l’ansia dei genitori napoletani, e non solo, di adempiere alle certificazione necessarie per l’iscrizione dei propri figli a scuola, dopo l’entrata in vigore del decreto sull’obbligo vaccinale voluto dal ministro Beatrice Lorenzin. Per il nido e la

Vaccini, Beatrice Lorenzin: “Veneto responsabile in caso di epidemie”

 “Ci riserviamo tutte le azioni di nostra competenza, il decreto del Veneto non e’ sostenibile. Se derogano di due anni, si assumono la responsabilita’ di quello che puo’ accadere in ogni struttura e ai singoli alunni. L’epidemia di morbillo non e’ finita. Nel 2017 sono stati oltre 4.300 i casi, non c’e’ altro da aggiungere

Vaccini, moratoria in Veneto: fino al 2019 per documenti

Ci sarà tempo fino all’anno scolastico 2019-2020 in Veneto per presentare tutta la documentazione vaccinale per i bimbi da zero a sei anni ed evitare la decadenza dell’iscrizione dagli asili nido e infanzia: è quanto prevede il decreto che predispone le “indicazioni regionali in regime transitorio di applicazione della legge Lorenzin”, firmato dal direttore generale

Vaccini, garante privacy: le scuole potranno inviare gli elenchi degli iscritti alle Asl. Arriva l’autocertificazione per 2017-2018

Da oggi gli istituti scolastici e i servizi educativi per l’infanzia potranno trasmettere gli elenchi degli iscritti alle Asl per consentire la verifica della regolarità vaccinale. Questa la decisione del Garante che ha adottato un provvedimento urgente per consentire un trattamento dei dati non previsto dalla normativa sui vaccini se non prima del 2019. “Abbiamo

Caos vaccini, a Napoli all’85%: la Regione Campania lancia il protocollo

A Napoli i bambini vaccinati con l’esavalente sono l’85%, rispetto al 95% stabilito dai Lea. Parte da questo dato la campagna per le vaccinazioni della Regione Campania in vista dell’inizio dell’anno scolastico e che vedra’ la firma di un protocollo d’intesa, previsto per domani, tra Asl, Regione, Anci e Ufficio scolastico Regionale. La direttrice dell’ufficio

Vaccini, Valeria Fedeli: “Subito regole più chiare ma nessun rinvio”

“Nessuna proroga sara’ concessa. Altrimenti non avrebbe avuto senso fare il decreto. Qui il tema e’ serio, non e’ un problema burocratico, stiamo parlando della tutela della salute pubblica”. Lo afferma a Repubblica la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, sulla prima scadenza del 10 settembre sull’obbligo dei vaccini per l’iscrizione a scuola. “Chi non vuole sottoporre