sottosegretari

Governo, sorprese ed esclusi eccellenti nella partita sottosegretari: ecco i nomi

La squadra di governo e’ finalmente al completo, cosi’ come aveva sollecitato anche ieri il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, niente affatto entusiasta della prospettiva di aprire la fase di bilancio con una squadra dimezzata. Di qui l’accelerazione, il lavoro notturno portato avanti soprattutto in casa M5s che ha permesso la fumata bianca di primo

Governo: si accelera su sottosegretari per nomina in settimana

Chiudere in fretta, entro venerdì, la squadra dei sottosegretari. Per poter procedere subito a pieno regime con l’attività di governo e parlamentare. E’ l’obiettivo che spinge in queste ore ad accelerare le trattative tra M5s e Pd. Si vanno definendo alcune caselle, in una lista di una quarantina di nomi: all’Economia ad esempio sarebbero in

Governo, Conte stringe sulla squadra: entro lunedì le nomine di sottosegretari e viceministri

Ci sarebbe un’accelerazione nel completamento della compagine di Governo. Secondo quanto si apprende, infatti, il premier Giuseppe Conte e la sua squadra di Governo sarebbero intenzionati a completare il quadro delle nomine di sottosegretari e viceministri entro lunedì prossimo, 11 giugno. Come annuncia un sms inviato ad alcuni parlamentari, infatti, entro lunedì il Governo vorrebbe

Papa nomina tre sottosegretari al Dicastero Sviluppo umano: ecco chi sono

Papa Francesco ha nominato sottosegretari del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale: mons. Segundo Tejado Munoz, gia’ sottosegretario del Pontificio Consiglio Cor Unum; Padre Nicola Riccardi, docente presso la Facolta’ di Teologia, Cattedra di Giustizia e Pace, della Pontificia Universita’ Antonianum in Roma; Flaminia Giovanelli, gia’ sottosegretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e

Governo, Paolo Gentiloni: “Errore cancellare quello che ha fatto Matteo Renzi”

Il nuovo governo “nasce all’indomani delle dimissioni di Matteo Renzi”, ma il lavoro dell’ex premier sconfitto dal referendum “non deve essere cancellato”. Il premier Paolo Gentiloni si presenta alla conferenza stampa di fine anno, ad appena due settimane dall’insediamento del suo governo (“15 giorni per me faticosi ma entusiasmanti”) ed esordisce con una rivendicazione della