rubrica

Sentivo che eravamo fatti l’uno per l’altro ma poi….le paure hanno avuto la meglio!

di Simona Sanseverino  In realtà sentivo che eravamo fatti l’uno per l’altro. Ma   che   forse   non   eravamo   figli   di   una   stessa tempistica. Ossia incontrare l’uomo o la donna giusta nel momento non opportuno… in un momento in cui l’uno o l’altro non sono pronti. Questo ovviamente mi dava   la   sensazione   che   ci   fosse   stato   qualcosa  

La lingua antica di Jolanda Insana

Se molta poesia degli ultimi anni è stata in alcuni casi severamente (a volte troppo severamente) giudicata come una «poesia facile per tempi difficili» (Raboni che accolse così, nel 1987, la raccolta di Magrelli Nature e Venature), quella di Jolanda Insana è una poesia difficile in tempi difficili, una «voce oscuramente luminosa». La poesia della

Quando ‘lui’ ti dice ‘ti chiamo’ e poi scompare….meno male che esistono le amiche!

Le nostre non erano vite monotone, ma sicuramente ognuna  di noi era   ancora   in cerca di quel senso… Quale?   Beh  ognuna   a   suo   modo   cercava   un completamento all’esistenza… Ho sempre pensato che tra amiche fosse essenziale prestarsi a colmare quei vuoti che spesso gli uomini e i loro silenzi lasciano nelle nostre piccole anime. Una pratica tutta

Ferro basso? Il più delle volte è un’anemia!

L’anemia è una condizione in cui il numero di globuli rossi o il contenuto di emoglobina diminuiscono a causa di perdite di sangue, scarsa produzione di globuli rossi, emolisi (rottura dei globuli rossi) o una combinazione di queste modificazioni. Esistono differenti forma di anemia. Tra quelle che rispondono al trattamento nutrizionale la più comune è

Poesia religiosa nel Novecento

Segnaliamo questa settimana l’uscita recente del volume Poesia religiosa nel Novecento, a cura di Maria Luisa Doglio e Carlo Delcorno per i tipi del Mulino. L’opera costituisce un punto di partenza iniziale per gli studi sulla poesia religiosa novecentesca, ancora molto poco esplorata dalla filologia e dalla critica letteraria. Gli otto capitoli che costituiscono il

Premio Nobel 2016 per la chimica: le nanotecnologie come scienze del futuro

Il premio Nobel 2016 per la chimica è stato assegnato ai tre scienziati: Jean-Pierre Sauvage dell’Università di Strasburgo, Fraser Stoddart dell’ Università di Northwestern in Illinois e Bernard Feringa dell’Università di Groningen nei Paesi Bassi. Ai tre va il merito di aver progettato e sintetizzato macchine molecolari di dimensioni nanometriche, ovvero mille volte più sottili

‘Un ammore tutto mio’: lo chiamo o non lo chiamo?

Lo chiamo o non lo chiamo? Il dilemma di quella sera d’estate che mi accompagnò tutto il giorno dopo l’incontro con Claudio! Quel bono che avevo conosciuto alla festa sulla Cassia… si quella in cui mi aveva trascinata la mia amica Rebecca… ‘Un ammore tutto mio’: lo chiamo o non lo chiamo?  Alla fine lo chiamai

Fecondazione assistita: nato il primo bambino con la nuova tecnica dei tre genitori

E’ di pochi giorni la notizia annunciata dal settimanale New Scientist secondo cui cinque mesi fa sarebbe stato messo alla luce il primo bimbo concepito con la nuova tecnica di fecondazione assistita a tre genitori. Il piccolo, di nome Abrahim Hassan, è nato in Messico e i suoi genitori hanno deciso di ricorrere alla fecondazione