mps

Monte Paschi Siena: 5.500 esuberi e 600 filiali da chiudere

Sono 5.500 gli esuberi nel gruppo Mps previsti dal piano di ristrutturazione 2017-2021. Di questi, 4.800 attraverso l’attivazione del fondo di solidarietà. Le filiali da chiudere sono circa 600: dalle 2000 del gruppo nel 2016 a 1400 nel 2021. L’utile netto di Mps al 2021 sarà superiore a 1,2 miliardi di euro, con un Roe pari al 10,7%. Prevista

Legge elettorale, Mdp si sfila: nuovo stop a Mattarellum

Nuovo stop al Mattarellum in Commissione Affari costituzionali della Camera. Dopo il “no” al merito di questa proposta espresso la scorsa settimana da Fi e Ap, oggi ne è arrivato uno “sul metodo” da parte di Mdp. Alfredo D’Attorre ha infatti invitato a prendere atto che questo sistema non ha i numeri in Senato. Domani

Carlo Padoan: “Sanzionare i manager delle banche”

“Il governo auspica che la giustizia faccia rapidamente il proprio corso e tutti coloro che hanno provocato danni alla collettività, alle comunità locali, ai risparmiatori e agli investitori vengano sanzionati”. Così il ministro Pier Carlo Padoan, in audizione sul decreto ‘salva-risparmio’. Anche nei casi in cui in modo “illecito” sono stati venduti prodotti a chi

Mps, ecco l’elenco dei debitori: da De Benedetti, a Punzo, a Montezemolo

Il Sole24ore pubblica i nomi dei debitori del Monte dei Paschi di Siena.   Secondo il quotidiano finanziario, tra i nomi eccellenti, la famiglia De Benedetti con Sorgenia che sarebbe indebitata per 1,8 miliardi con il sistema bancario, un terzo dei quali con Mps. Un altro nome di spicco – sempre secondo il Sole24Ore, quello

Mps: nuovo piano entro due mesi

Il nuovo piano di ristrutturazione di Mps dovrà essere presentato entro due mesi all’Ue. E’ quanto previsto dalla procedura per richiedere la garanzia dello Stato su nuove obbligazioni da emettere come sostegno alla liquidità. Il confronto con la commissione europea sarà però successivo a quello fra Siena e il Tesoro, per cui è ragionevole prevedere

Mps, Marco Morelli, “Con l’intervento dello Stato posizione forte”

“L’intervento statale non era sicuramente la prima opzione della banca, però ci darà comunque la possibilità di procedere con lo smaltimento accelerato dei crediti deteriorati e di avere una posizione diversa e più forte”. Lo ha detto l’A.d di Mps Marco Morelli, in un video messaggio ai dipendenti. L’intervento dello stato, ha aggiunto, permetterà a

Aumento capitale Mps si chiude il 22

L’aumento di capitale di Mps si aprirà lunedì 19 e si chiuderà giovedì 22 dicembre alle 14. E’ quanto si legge nel prospetto pubblicato dalla banca. Per l’offerta pubblica, dedicata per il 30% agli azionisti e per il 5% al pubblico indistinto, il termine è mercoledì 21 alle 14, mentre ci saranno 24 ore in

Mps, persi altri 6 mld raccolta: incertezza provoca emorragia depositi

La situazione di incertezza in cui si trova Mps ha provocato un’emorragia di depositi dalla banca senese, con 6 miliardi di euro di “raccolta diretta commerciale” persi tra il 30 settembre e il 13 dicembre, “di cui 2 miliardi dal 4 dicembre 2016, data del referendum costituzionale”. E’ quanto emerge dall’aggiornamento del prospetto sull’aumento di

Mps, Bce nega autorizzazione: posticipare aumento

Cda decisivo per Mps, l’ennesimo. A differenza di quelli passati, però, ora i vertici della banca non hanno più tempo per rinvii o incertezze. Il board si riunisce per valutare se ci sono le condizioni per portare a termine sul mercato la ricapitalizzazione da 5 miliardi, anche se la strada appare sempre più stretta. Nel

Mps, riapre conversione bond: punta a farcela senza ‘fiducia con governo’

Il cda di Montepaschi ha deciso di riaprire la riconversione dei bond subordinati in azioni, puntando di fatto ad un salvataggio senza l’aiuto dello Stato. La prospettiva di un Esecutivo a breve “ci dà fiducia sulla possibilità di perfezionare il nostro piano”, ha spiegato una fonte vicina al board senese. Stavolta Mps intenderebbe poter contattare