manovra

Manovra: spunta ipotesi contratti a tempo più cari

Spunta l’ipotesi di rincarare il costo dei contratti a tempo, con l’obiettivo di incentivare le assunzioni stabili. E’ quanto si apprende da ambienti vicini al dossier. La misura potrebbe trovare spazio in manovra, ma viene spiegato che ancora non sono state prese decisioni. Si tratterebbe di un rialzo dell’aliquota contributiva aggiuntiva (1,4%) prevista nei contratti

Manovra, Carlo Calenda: “Investimenti, export e giovani le priorità”

“Non sara’ una manovra elettorale, ma faremo una legge di completamento della legislatura, che in campo economico e’ stata oggettivamente di successo”. Lo assicura il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in un’intervista al Corriere della Sera in cui spiega che “le tre priorita’ della politica economica dove concentrare le risorse sono gli investimenti, l’internazionalizzazione

Mdp, Roberto Speranza: “Senza una svolta non voteremo la manovra”

La possibilita’ di non votare la legge di bilancio e far cadere il governo “esiste”, ma “non e’ una scelta gia’ assunta, il nostro non e’ pregiudizio. Valuteremo nel merito il lavoro nelle prossime settimane, ma chiediamo con forza una svolta sui temi economici e sociali, perche’ fino ad ora le proposte del governo ci

Carlo Padoan: “Priorità in manovra è lavoro ai giovani e taglio cuneo fiscale”

La manovra avra’ “risorse molto limitate” e dovra’ puntarle tutte su “giovani e lavoro”. In vista della legge di bilancio parla al Sole 24 Ore, in apertura di prima pagina, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che indica le priorita’ di fine legislatura: “Un taglio permanente del cuneo fiscale per le assunzioni stabili dei giovani”.

Matteo Renzi: “Alleanze? A sinistra tre linee diverse su manovra”

“Niente di nuovo nel fronte della sinistra unita: tre posizioni diverse. Questo e’ il punto chiave nella questione delle alleanze”. Lo dice Matteo Renzi nella sua rassegna stampa Ore Nove, commentando le posizioni dei partiti della sinistra sulla manovrina, approvata ieri con i voti del Pd e il no di Sinistra italiana, mentre Mdp non

Manovra è legge: ok dal Senato. Paolo Gentiloni: “No a nuove tasse”

 Con le dichiarazioni di voto e’ iniziato in Aula al Senato l’esame del ddl di conversione in legge del decreto-legge in materia finanziaria sul quale il Ministro Finocchiaro ieri ha posto, a nome del Governo, la questione di fiducia. La votazione con appello nominale e’ prevista alle 11. Il governo incassa la fiducia del Senato

Maurizio Lupi: “Pd chieda a Beppe Grillo e Matteo Salvini di votare la manovra”

“Occorre mettere in sicurezza i conti del Paese? Evitare l’aumento dell’Iva e l’esercizio provvisorio, anticipare la legge di stabilita’? Bene, se proprio vogliono votare subito, si prendano anche tutti insieme la responsabilita’ di farci rispettare le scadenze: legge di stabilita’ tutti insieme e cosi’ la nota di variazione al bilancio. Se c’e’ un accordo, lo

Manovra, Dombrovskis: a prima vista 0,2% è centrato

“A una prima occhiata”, la manovra italiana da 0,2% sembra aver raggiunto lo scopo di correzione dei conti: lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, rispondendo a una domanda dei giornalisti. “Stiamo valutando i piani di stabilità e riforme italiani e di altri Paesi, per l’Italia sappiamo che questa valutazione è particolarmente

Manovra, via libera dal Quirinale: Sergio Mattarella ha firmato decreto

Il presidente della repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto con la manovra di correzione dei conti. Ora può essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Nella sezione atti firmati del sito della presidenza della Repubblica, si trova il dispositivo firmato: si tratta del Decreto Legge 24/04/2017, (In attesa di pubblicazione) che contiene “disposizioni urgenti in materia finanziaria,

Carlo Padoan: ‘La manovrina è quasi una finanziaria’

La manovrina e’ ”quasi una finanziaria che si impernia su quattro punti: aggiustamento, finanziamento alla crescita, risorse per gli enti locali e risorse per il sisma. E’ pronto anche il Dpcm per gli investimenti”. Lo dice il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan. ”I ritardi sono dovuti alla necessita’ di limare il testo data la complessita’