male

Papa Francesco all’Angelus: “Il male si sconfigge accogliendo il perdono di Dio”

(ACI Stampa).- Tre parabole del Vangelo, tre passaggi che mostrano come Gesù accoglie i peccatori, esce a cercare chi resta perduto, apre le braccia a chi ritorna e guarda anche a chi pecca nel pensare di avere “più un padrone che un padre”. Ed è questo il rischio: “Credere in un Dio più rigoroso che misericordioso, un

Bruxelles bacchetta l’Italia: ‘Squilibri eccessivi, male debito e riforme’

In Italia si registrano “squilibri eccessivi”, tra cui alto debito e una protratta bassa produttività che comporta rischi di “implicazioni transnazionali, in un contesto di crediti deteriorati ancora elevati e disoccupazione”. Lo scrive la Commissione Ue nel rapporto sugli squilibri. Il debito “si stabilizza ma ancora non ha imboccato un percorso di ferma discesa a causa

Facebook fa autocritica, i social possono fare male: riflessione di due ricercatori

L’aria sta cambiando per i social network. Nel corso degli ultimi mesi si sono susseguiti i ‘coming out’ di ex manager che puntavano il dito contro l’uso di queste piattaforme, a riflettere ora sono due stessi ricercatori di Facebook. “Passare il tempo sui social media ci fa male?”, è il titolo di un post ufficiale pubblicato da

Livorno, Matteo Renzi: “Il caso Consip mi ha fatto molto male”

“E’ stata una questione che personalmente mi ha fatto molto, molto, molto male. Il problema nasce quando un giornale da’ un’anticipazione e dice che ci sono degli indagati a me vicini come Luca Lotti e il comandante Carabinieri”. Cosi’ il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha risposto a una persona che alla festa dell’Unita’ di

Più fai del bene e più ricevi il male: ecco la ‘sindrome rancorosa del beneficato’

“Più faccio del bene e più ricevo cattiverie”. Chi non ha mai pronunciato questa frase? La psicologia spiega il perchè di quella che è definita la “sindrome rancorosa del beneficato”.  Una forma di ingratitudine? Ben di più. L’eccellenza dell’ingratitudine. Comune, per altro, ai più. Senza che i molti ingrati “beneficati” abbiano la capacità, la forza, la