mafia

Agguato in Puglia, Franco Roberti: “Non è mafia di serie ‘B'”

“La criminalita’ pugliese e in particolare questa efferatissima forma di criminalita’ foggiana, e’ stata considerata troppo a lungo una ‘mafia di serie B'”. Lo ha detto il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti alla trasmissione ‘6 su Radio 1′ della Rai per commentare l’agguato di ieri nelle campagne di San Marco in Lamis nel foggiano in

Franco Gabrielli: “La corruzione è come la mafia: va cambiato il reato. La legge segua i fatti e colga mutamenti forme criminali”

“Dobbiamo convincerci tutti che la corruzione e’ l’ incubatrice delle mafie. E invece vedo un atteggiamento da scampato pericolo nei confronti della sentenza sul Mondo di Mezzo”. Lo afferma al Messaggero, Franco Gabrielli, capo della Polizia, sull’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso contestata ai principali imputati di Mafia Capitale. “Dal mio punto di

Mafia Capitale: Carminati condannato a 20 anni di carcere e a 19 Buzzi

Il tribunale di Roma ha condannato Salvatore Buzzi a 19 anni di reclusione al termine del processo a mafia capitale, 20 anni per Massimo Carminati, 11 per Luca Gramazio, ex capogruppo del Pdl in Comune. Cade l’accusa di associazione mafiosa a 19 imputati del processo a mafia capitale, tra cui i presunti capi Carminati e Buzzi. Per l’ex capo dell’assemblea Capitolina Mirko

Paolo Borsellino: 25 anni fa la strage di via D’Amelio a Palermo

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, presiede il Plenum del CSM dedicato al ricordo della figura di Paolo Borsellino a 25 anni dalla strage di Via d’Amelio, dove persero la vita anche gli uomini della scorta. Alla fine del Plenum, che ha all’ordine del giorno la pratica di Sesta Commissione relativa “alla pubblicazione degli atti su Paolo

Palermo, colpo al clan di Brancaccio: 34 arresti

 La Polizia e la Guardia di Finanza di Palermo, eseguendo un provvedimento emesso dal Gip nell’ambito di indagini della Direzione Distrettuale Antimafia, stanno procedendo, in Sicilia, Toscana, Lazio, Puglia, Emilia Romagna e Liguria, all’esecuzione di 34 misure cautelari nei confronti di mafiosi della cosca di Brancaccio e loro complici e al sequestro di numerose aziende,

Cassazione: “Riina è malato, ha diritto ad una morte dignitosa”

Il “diritto a morire dignitosamente” va assicurato ad ogni detenuto. Tanto più che fermo restando lo “spessore criminale” va verificato se Totò Riina possa ancora considerarsi pericoloso vista l’età avanzata e le gravi condizioni di salute. La Cassazione apre così al differimento della pena per il capo di Cosa Nostra, ormai ottantaseienne e con diverse gravi patologie.

Venticinque anni fa la strage di Capaci

Venticinque anni fa la strage di Capaci: Cosa nostra uccise in un attentato il magistrato antimafia Falcone, la moglie e tre agenti di scorta. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e Pietro Grasso saranno oggi alle cerimonie in ricordo a Palermo. Partita ieri da Civitavecchia, è arrivata al porto di Palermo la Nave della legalità, con

Indagine DDA contro le mafia: le mani dei clan sui supermercati

Polizia di Stato e Guardia di Finanza hanno eseguito 15 misure cautelari e due fermi tra la Lombardia e la Sicilia nell’ambito di una indagine contro le attività criminali della famiglia mafiosa catanese dei Laudani coordinata dalla Dda di Milano, come riportato dall’Ansa. In particolare, secondo quanto si è appreso, sono state poste in amministrazione