legge elettorale

Legge elettorale, riparte il dibattito: ecco le posizioni (per ora) in campo

 Quando si parla di legge elettorale, le posizioni in campo in genere sono piu’ complesse e sfaccettate di quanto possa sembrare a un primo sguardo. In attesa che il dibattito, che a scadenze periodiche monopolizza l’agenda politica italiana, prenda di nuovo quota e si trasferisca dal piano delle dichiarazioni a quello degli atti ufficiali, cerchiamo

Elezioni regionali e nuova legge elettorale: ecco i temi caldi del Parlamento

La manovra economica, l’alleanza alle regionali tra Movimento 5 stelle e Partito democratico, la riforma in senso maggioritario della legge elettorale. Saranno questi gli argomenti principali della settimana politica che sta per iniziare e che si aprira’ domani con il giuramento dei nuovi sottosegretari in programma alle 10,30 a Palazzo Chigi. Dopo la fiducia al

Elezioni, Walter Veltroni: “Senza maggioranza fare legge elettorale e votare”

“Dopo il voto, se non c’è maggioranza chiara, serve fare una legge elettorale con un premio di maggioranza, e tornare alle urne. Cito me e Renzi: serve sapere chi vince le elezioni la sera del voto”. Lo afferma Walter Veltroni al teatro Eliseo. “Silvio Berlusconi resta il nostro avversario: è sempre possibile collaborare con l’opposizione,

Legge elettorale, Consulta: “No al conflitto sul Rosatellum”

La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato sollevati sul Rosatellum. Nella camera di consiglio di oggi, la Corte costituzionale – riferisce una nota diffusa al termine della camera di consiglio – ha discusso, in sede preliminare di ammissibilità, quattro conflitti di attribuzione riguardanti le procedure di approvazione delle

Legge elettorale: Sergio Mattarella firma il Rosatellum

l presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha promulgato la legge elettorale approvata dal Parlamento. La legge contiene modifiche al sistema di elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica e la delega al Governo per la determinazione dei collegi elettorali uninominali e plurinominal

Legge elettorale, al via la seduta al Senato: per gruppo Ala interviene Denis Verdini

Prende il via la seduta dell’Aula del Senato che sta esaminando la riforma elettorale. Per questa mattina sono attese le dichiarazioni di voto e il voto finale che si svolgera’ pero’ senza ricorrere alla fiducia. Per il gruppo di Ala e’ previsto che parli Denis Verdini nonostante nell’elenco degli interventi figuri ancora il nome di

Legge elettorale, Matteo Renzi: “Con Ala in futuro? Assolutamente no”

 Il Pd con Ala e’ una nuova maggioranza anche per la prossima legislatura? “Assolutamente no. Quando Verdini e’ stato decisivo nel voto sulle unioni civili non siete stati cosi’ scandalizzati. Vi stupite che sulla legge elettorale ci sia un accordo con Fi e Lega ma la legge elettorale si vota con chi ci sta, anche

Legge elettorale, fiducie ok su Rosatellum: Ala decisiva su numero legale

Senza il voto di Mdp, la maggioranza non soffre sui voti di fiducia grazie anche alle molte assenze sul fronte dell’opposizione al momento del voto in Aula, soprattutto tra le file di Forza Italia e della Lega. Ma e’ in difficolta’ per il raggiungimento del numero legale. Tant’e’ che in almeno tre voti di fiducia

Legge elettorale, ok del Senato anche alla quarta fiducia con 150 sì: caos in Aula. Napolitano: ‘Voto fiducia per salvaguardare stabiltà’

L’Aula del Senato dice sì al quarto voto di fiducia chiesto dal governo al “Rosatellum”. I voti a favore sono stati 150, 60 i no. Nessun astenuto. I presenti sono stati 217, i votanti 210. Viene approvato così l’articolo 4 del provvedimento. Intanto Beppe Grillo è arrivato in piazza della Rotonda dove il M5s manifesta contro la legge

Legge elettorale al Senato: intervento di Giorgio Napolitano – SEGUI DIRETTA

Sono i ripresi i lavori nell’Aula di Palazzo Madama sulla legge elettorale. Stamane discussione generale. Quindi, come stabilito ieri dalla conferenza dei capigruppo, a partire dalle 14, le cinque chiame nominali per i cinque voti di fiducia, mentre le dichiarazioni di voto e il voto finale ci saranno giovedì mattina. Nel corso del suo intervento in Aula, l’ex