crescita

Dl crescita, da Roma a Radio radicale a Banche: ecco tutte le novità

Dal compromesso sul Salva-Roma e il Salva-Comuni al finanziamento di 3 milioni per Radio Radicale, dalle norme per favorire le aggregazioni bancarie al Sud, con particolare attenzione alla Banca Popolare di Bari, alle misure per tutelare i fornitori di Mercatone Uno. E ancora: dallo ‘scivolo’ aziendale di 5 anni al taglio dell’Ires al 20% dal

Dl crescita, ok norma per Banca Popolare Bari: favorite fusioni al Sud

Arriva la norma per ‘salvare’ la Banca Popolare di Bari e favorire le aggregazioni bancarie nel Mezzogiorno. Un emendamento al decreto crescita, riformulato dai relatori, e approvato dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, consente la trasformazione delle Dta (attivita’ fiscali differite) in credito d’imposta in caso di aggregazioni di imprese finanziarie (come le banche)

Dl crescita: ok a taglio strutturale tariffe Inail dal 2023

Ok al taglio da 600 milioni delle tariffe Inail che diventa strutturale dal 2023 ma con l’esclusione per l’anno 2022. Lo prevede un emendamento al decreto crescita riformulato e approvato nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera che rende strutturale il taglio del costo del lavoro, ma con lo stop di 1 anno durante il

Dl crescita, da Salva Roma ad Alitalia: norme in bilico

Dal Salva Roma, la norma della discordia, ai rimborsi per i risparmiatori truffati, dalla rottamazione delle cartelle per multe e tasse locali alla revisione dell’Ires, fino all’estensione a tempo indeterminato del prestito ponte per Alitalia. Sono alcune delle norme che dovrebbe contenere il dl crescita, approvato salvo intese il 4 aprile scorso e mai trasmesso

Dl crescita: entra norma doppio binario per rimborsi risparmiatori

 Nel decreto crescita all’esame del Cdm c’e’ anche la norma per i rimborsi ai risparmiatori truffati delle quattro banche fallite (Etruria, Banca Marche, CariFe e CariChieti) e delle due venete. Secondo quanto si apprende, la disposizione entrata nel testo in ingresso in Cdm, che potrebbe subire modifiche, ricalca lo schema del ‘doppio binario’ concordato con

Governo, tensioni Lega-M5S: sciogliere nodo dl Crescita

Camera e Senato chiudono i battenti per le festivita’ pasquali e il ponte del 25 Aprile. Non sono infatti previste sedute dell’Aula ne’ convocazioni delle commissioni. I lavori parlamentari riprenderanno lunedi’ 29 aprile. Nessuna pausa invece per il governo: anche se la convocazione non e’ ancora ufficiale, il Consiglio dei ministri si riunira’ martedi’ pomeriggio

Governo, da Dignita’ a Crescita: ecco i cinque ‘salvo intese’

 Il ‘governo salvo intese’. Per sottolinearne fragilita’ e litigiosita’, qualcuno accosta all’esecutivo M5s-Lega la formula usata di recente per approvare i provvedimenti piu’ divisivi. Per la verita’ l’approvazione ‘salvo intese’, che consente al governo di ritoccare il testo anche dopo il via libera del Consiglio dei ministri prima dell’approdo in Parlamento, e’ una pratica ampiamente

Dl crescita, da Ires a condono tasse locali: ecco le misure

Dalla rottamazione delle cartelle per multe e tasse locali alla revisione dell’Ires, dal superammortamento alla maggiorazione dello sconto Imu sui capannoni, dagli incentivi per l’edilizia al rifinanziamento del Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa. Sono queste alcune delle principali misure contenute, secondo le bozze circolate, nel dl crescita all’esame del Cdm. Resta il

Dl crescita, arriva ‘norma Fraccaro’: 500 milioni di euro a tutti Comuni

500 milioni di euro a favore dei Comuni per opere di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile. E’ la “norma Fraccaro” contenuta nell’articolo 31 del Decreto Crescita approvato dal Consiglio dei Ministri. Obiettivo della norma e’ quello di finanziare gli investimenti sul territorio per favorire la crescita nell’ottica della sostenibilita’. Le risorse, assegnate dal Ministero dello

Sondaggi, AGI/Youtrend: Lega in crescita al 31,6%. M5S al 28,6%

 Lega al primo posto, sopra il 30% dei consensi (31,6%) e con un trend in leggera crescita, Movimento 5 Stelle secondo, non troppo staccato, con il 28,6%. Dimenticati gli ultimi residui delle vicende che hanno segnato il dibattito estivo (i migranti, la tragedia di Genova), la scena politica sta per essere monopolizzata dalle discussioni sulla