camera

Referendum, M5S-Lega avanti spediti: arriva il testo in Aula Camera

I giallo-verdi vanno avanti spediti con la riforma costituzionale che introduce il referendum propositivo. La commissione Affari costituzionali della Camera, infatti, ha terminato l’esame del ddl in anticipo rispetto alla tabella di marcia e si attende ora solo il voto sul mandato alla relatrice, la pentastellata Fabiana Dadone, previsto per martedi’, in attesa che arrivino

Manovra, da Camera ok definitivo con 313 si’: è legge. Mattarella firma

La manovra ha avuto il via libera finale e definitivo dall’Aula della Camera, con 313 si’ e 70 no. Sergio Mattarella ha firmato la manovra, con la quale si sono evitati sia l’esercizio provvisorio che la procedura di infrazione Ue ed ha deciso di non aggiungere nulla alla firma con cui si autorizza la pubblicazione

Passa la “manovra del popolo”: ok fiducia tra proteste

Passa, ma è caos fino alla fine. Con accuse reciproche di insulti, bagarre e sospensioni dell’Aula. E poi proteste in piazza del Pd cui si unisce quella, inusuale, di Forza Italia, che non solo interrompe i lavori di Montecitorio, coi deputati bardati di ‘gilet azzurri’ al ‘grido’ basta tasse, ma annuncia di essere pronta a

La Manovra torna alla Camera per l’ok definitivo

Dopo la breve pausa natalizia la manovra economica torna domani all’esame della Camera per la terza e definitiva lettura. Il testo fara’ un passaggio in commissione Bilancio di Montecitorio, per poi approdare in Aula venerdi’ 28. Il voto finale e’ previsto entro sabato 29 dicembre. La maggioranza rivendica le misure della legge di bilancio. Il

Governo: alla Camera parte il timing della legge bilancio

Settantadue ore di lavoro serrato (e probabili proteste delle opposizioni) prima del via libera finale del Parlamento. La legge di bilancio, dopo l’ok al Senato, arriva domani a Montecitorio dove, tra i lavori della commissione Bilancio e quelli dell’Assemblea, il governo punta al varo definitivo – senza che ci sia alcuna modifica quindi, perché in

Manovra: governo incassa fiducia Camera con 330 si’

Il governo incassa la fiducia dell’Aula della Camera sulla manovra con 330 si’, 219 no e un astenuto. E’ atteso entro domani il via libera finale di Montecitorio, a seguito del quale, il provvedimento passera’ all’esame del Senato. La seduta e’ stata sospesa e riprendera’ con l’esame degli articoli dal 2 al 19 e poi

Decreto sicurezza, Camera conferma la fiducia a governo: 336 sì

L’Aula della Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge Sicurezza con 336 voti a favore e 249 contrari. L’Assemblea passa ora all’esame dei circa 140 ordini del giorno al testo, in gran parte presentati da Pd e Leu. Proseguirà in mattinata, a partire dalle 9.30, nell’Aula della Camera l’esame del decreto legge sicurezza

Decreto sicurezza, alla Camera testo blindato: si va verso la fiducia

Un iter parlamentare complicato e spesso in salita; tensioni all’interno del governo; fibrillazioni e malumori tra i 5 stelle destinati ad infrangersi contro il muro innalzato da Matteo Salvini, che non ha concesso alcun passo indietro agli alleati. E’ la cornice che accompagna il via libera definitivo al decreto Sicurezza, provvedimento bandiera della Lega giunto

Napoli, si completa la squadra della Camera di Commercio: eletti vicepresidenti Luongo e Fornaro

 Si è svolta oggi la prima riunione della nuova Giunta camerale per il completamento della squadra di governo per il mandato 2018-2023 con l’elezione dei Vicepresidenti. La Giunta, composta dal Presidente Ciro Fiola e da sei rappresentanti delle Forze Economiche e Sociali (Luongo per l’Artigianato, Loffreda per l’Agricoltura, Fornaro per l’Industria, Langella per il Commercio,

Elezioni USA, la Camera ai democratici: il Senato ai repubblicani

Gli americani hanno scelto. I democratici riconquistano dopo 8 anni la maggioranza alla Camera, i repubblicani la mantengono di stretta misura al Senato. Alla fine, dalle urne delle elezioni di metà mandato è uscito il risultato più atteso, quello che condanna Donald Trump a perdere il controllo di uno dei due rami del Congresso quando mancano due anni alle presidenziali