Vaticano

Papa Francesco rinnova la Chiesa tra voci di scisma e scandali

Il 2019 di Papa Francesco ha l’aspetto di una statuetta che se fosse europea apparterrebbe al Neolitico, ma siccome viene dall’Amazzonia parla alla contemporaneita’ come nemmeno un milione di tweet potrebbero fare. Si chiama Pachamama, parola che in lingua Quechua vuol dire Madre Terra. Sembra fatta di legno, in realta’ e’ fatta di pietra: la

Via i cellulari, riprendiamo il dialogo in famiglia: il compito che il Papa ci affida

Teste e sguardi chinati, dita impegnate a chattare vorticosamente e un silenzio che “sembra di essere a Messa”: il Papa all’Angelus di ieri, mentre la Chiesa celebrava la festa della Sacra Famiglia di Nazareth, ha scattato una triste istantanea dei pranzi e delle cene che genitori e figli consumano in casa, alienati dagli smartphone, senza

Il Papa: genitori e figli si sostengano nell’adesione al Vangelo

Farsi santi in famiglia è possibile: occorre guardare a Nazareth, dove Gesù, Maria e Giuseppe, ciascuno a suo modo e poi “coralmente”, hanno risposto alla volontà di Dio aiutandosi reciprocamente a riconoscerla. Santità è dono e adesione libera al progetto di Dio E’ questa la riflessione che prima della recita dell’Angelus, in una bella giornata di sole

Papa Francesco: “La solidarietà con i malati è un vero tesoro”

(ACI Stampa).- “La vostra organizzazione si distingue per l’approccio empatico e di fiducia che riesce a instaurare con i malati e le loro famiglie, attraverso la condivisione della loro vita e avvicinandosi alla loro cultura e lingua, allo scopo di favorire il rapporto umano”. Papa Francesco accoglie in Aula Paolo VI i partecipanti al Simposio

Napoli, il prodigio si ripete: il sangue di San Gennaro si è sciolto

Si è ripetuto, a Napoli il prodigio del miracolo di San Gennaro. L’annuncio della liquefazione del sangue è stato accolto alle 10.04, nel Duomo affollato, da un lungo applauso dei fedeli e da grida di giubilo. Il ripetersi del miracolo è letto come un buon auspicio per Napoli e la Campania. Il miracolo avviene tre

Papa Francesco all’Angelus: “Il male si sconfigge accogliendo il perdono di Dio”

(ACI Stampa).- Tre parabole del Vangelo, tre passaggi che mostrano come Gesù accoglie i peccatori, esce a cercare chi resta perduto, apre le braccia a chi ritorna e guarda anche a chi pecca nel pensare di avere “più un padrone che un padre”. Ed è questo il rischio: “Credere in un Dio più rigoroso che misericordioso, un

L’ottobre di Papa Francesco: concistoro, nuovi vescovi, canonizzazioni, sinodo

(ACI Stampa).- Sarà il prossimo 4 ottobre che Papa Francesco ordinerà arcivescovi i tre nuovi nunzi appena nominati e padre Michael Czerny, sottosegretario della Sezione Migranti e Rifugiati, che sarà poi creato cardinale nel concistoro del 5 ottobre. La messa per l’ordinazione dei nuovi vescovi è segnalata (senza nomi) nel calendario delle celebrazioni liturgiche del mese di ottobre reso noto oggi

Papa Francesco: ipocrisia peggior nemico, no a ‘turista da catacombe’ in Chiesa

La “vera conversione” e’ quando arriva “alle tasche”. Li’ “e’ dove si vede se uno e’ generoso con gli altri, se uno aiuta i piu’ deboli, i piu’ poveri”. Papa Francesco parlando a braccio durante l’Udienza Generale, spiega come capire un’autentica conversione, il segnale di un cuore convertito: “Quando la conversione arriva li’, stai sicuro che e’

Papa Francesco: “non vivete in maniera ipocrita, siate coerenti con il Vangelo”

 (ACI Stampa).- Gesù è venuto a dividere, cioè a separare con il fuoco “il bene dal male”, mettendo in crisi “le facili illusioni di quanti credono di poter coniugare vita cristiana e compromessi di ogni genere, pratiche religiose e atteggiamenti contro il prossimo”. Questo vuole dire il Vangelo di oggi, nel commento di Papa Francesco prima della

Papa: ‘quanti sedicenti cristiani si fanno leggere la mano, questa è superstizione’

“Quanti, quanti sedicenti cristiani vanno dall’indovinatore o indovinatrice a farsi leggere le mani: questa è superstizione” non c’entra Dio. Lo dice PAPA Francesco all’Angelus richiamando i cristiani alla vera “coerenza col Vangelo” che non è, sottolinea, “coniugare la vera religiosità con le pratiche superstiziose”.