SalusInVita

L’obbligo vaccini a scuola diventa legge: possibile l’autocertificazione

 Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto che reintroduce l’obbligo delle vaccinazioni per la frequenza della scuola. Lo si apprende da fonti ministeriali. Le vaccinazioni che diventeranno obbligatorie nella fascia 0-6 anni saranno dodici a partire dal prossimo anno scolastico. Non c’è bisogno di alcuna corsa nelle prossime settimane per ottemperare all’obbligo

Napoli: a rischio rifornimento vaccini

“Ci stiamo organizzando ma temiamo che le aziende non siano in grado di soddisfare le richieste in tempo utile: il rifornimento di dosi potrebbe essere a rischio”. Esprime preoccupazione, Ugo Vairo, direttore dell’unità operativa tutela della salute del bambino e dell’adolescente dell’Asl Napoli 1 Centro, in merito alla possibilità di avere a disposizione i necessari

Vaccini, ok Cdm al decreto: obbligo da 0 a 6 anni. Ecco l’elenco dei 12 obbligatori

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge che reintroduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni a scuola. Da 0 a sei anni, in assenza dei vaccini i bambini non potranno accedere ad asili nido e scuole materne. Dai 6 ai 16 anni scatta una serie di misure: si dovrà presentare alla scuola il certificato di vaccinazione,

Beatrice Lorenzin: “Pronto testo di legge per obbligo vaccino a scuola”

“Ho pronto un testo di legge che prevede l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola dell’obbligo con un ampliamento delle vaccinazioni obbligatorie indicate dal nostro ministero. L’ho mandato oggi al presidente del Consiglio e lo porterò domani in Consiglio dei ministri”. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla trasmissione ‘Night Tabloid’ che

Campania, Registro Tumori: a fine maggio i risultati scientifici

  Superati ritardi storici, e al termine dell’analisi dettagliata e della elaborazione statistica dei dati dell’intera sorveglianza oncologica in Campania – studio sul quale è al lavoro il Coordinamento Regionale Registro Tumori – alla fine di questo mese di maggio, la Regione Campania presenterà in una iniziativa pubblica i risultati scientifici e comparati riguardanti il monitoraggio delle patologie. Si trasmette

Papillomavirus (HPV) causa tumori anche nell’uomo: molti genitori non lo sanno

Ne sanno poco sul Papillomavirus (HPV) e lamentano la mancanza di informazioni disponibili. Su 10 genitori di adolescenti italiani, 9 sanno che alcuni ceppi di questo virus sono responsabili del tumore al collo dell’utero, ma solo uno su due sa che provoca tumori anche nell’uomo. E quasi la metà afferma che le informazioni al riguardo

Sentenza a Ivrea, tribunale: uso scorretto cellulare causa tumore

“Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l’uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello”. Lo annunciano gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dello studio legale torinese Ambrosio e Commodo. Il Tribunale di Ivrea ha infatti condannato l’Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale al

Nuove manie: superfood al posto dei farmaci per 1 italiano su 3

Gli italiani sono sempre più salutisti e attenti al cibo che consumano. Uno su tre (33%) considera i superfood, tutti quei cibi che garantiscono benefici al corpo, addirittura come possibili sostituti dei farmaci. Molto apprezzati i fagioli (quattro italiani su dieci sono alla ricerca di fonti alternative di proteine rispetto alla carne), il tè e

Adenoma intestinale e uso di antibiotici: una probabile correlazione

FluoreScienza di Teresa Fotticchia    Riscontrata una correlazione tra l’uso prolungato di antibiotici e lo sviluppo di adenomi. Secondo uno studio, recentemente pubblicato su Journal Gut, è stata riscontrata una relazione tra l’utilizzo prolungato di antibiotici e lo sviluppo di polipi intestinali, noti come adenomi. I polipi intestinali sono delle escrescenze soffici che si formano

Nel 2015 diminuita l’aspettativa di vita degli italiani: si muore prima al Sud

In Italia, al 2015, la speranza di vita alla nascita è più bassa di 0,2 anni negli uomini e di 0,4 anni nelle donne rispetto al 2014, attestandosi, rispettivamente, a 80,1 anni e a 84,6 anni. La diminuzione dell’aspettativa di vita degli italiani è registrata dal Rapporto Osservasalute 2016, presentato oggi. “La distanza della durata