Politica

Chi e’ Armando Siri? Ex socialista entrato nella Lega per flat tax

Ex socialista, ex giornalista di Mediaset, Armando Siri, sottosegretario alle Infrastrutture indagato per corruzione, per la Lega e’ soprattutto l’ideologo del progetto di ‘flat tax’ al 15%. Eletto nelle fila del partito di via Bellerio per la prima volta alle politiche del marzo scorso (al Senato), il 47enne genovese fa parte di quella schiera di

Sottosegretario Siri indagato per corruzione: la Lega fa quadrato, ma M5S chiede le dimissioni –

Il sottosegretario ai Trasporti della Lega Armando Siri è indagato per corruzione dalla Procura di Roma nell’ambito di un’inchiesta nata a Palermo. Siri, tramite Paolo Arata, ex deputato di Forza Italia responsabile del programma della Lega sull’Ambiente, secondo l’accusa, avrebbe ricevuto denaro per modificare un norma da inserire nel Def 2018 che avrebbe favorito l’erogazione di contributi

Settimana politica: dal Def alle Europee guardando alla Libia

Le audizioni sul Documento di economia e finanza, la crisi in Libia e il voto per le europee. Saranno questi gli argomenti principali della settimana politica che sta per iniziare. Sul Def, atteso nell’Aula di Montecitorio per giovedi’ prossimo, le commissioni Bilancio della Camera e del Senato svolgeranno tre giorni di audizioni. Da domani saranno

Def, crescita allo 0.2%: arriva la flat tax

Crescita allo 0,2 percento, nessuna nuova tassa e nessuna manovra correttiva. Sono le prime cifre del Def che, spiegano dal governo, conferma i programmi di governo della legge di bilancio e il rispetto degli obiettivi fissati dalla commissione europea. Ecco i punti principali contenuti nella bozza del Documento.PIL. La crescita per il 2019 si ferma

Governo, tensioni tra i gialloverdi: scontri su flat tax e sgomberi

Alla vigilia del Consiglio dei ministri che dovrebbe varare il Def, non si allenta la tensione tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini sulla flat tax. E tra i due alleati di governo si apre un nuovo fronte, con il leader M5s che ‘sfida’ l’altro vicepremier su un tema caro alla Lega e al titolare

Governo, da Dignita’ a Crescita: ecco i cinque ‘salvo intese’

 Il ‘governo salvo intese’. Per sottolinearne fragilita’ e litigiosita’, qualcuno accosta all’esecutivo M5s-Lega la formula usata di recente per approvare i provvedimenti piu’ divisivi. Per la verita’ l’approvazione ‘salvo intese’, che consente al governo di ritoccare il testo anche dopo il via libera del Consiglio dei ministri prima dell’approdo in Parlamento, e’ una pratica ampiamente

Dl crescita, arriva ‘norma Fraccaro’: 500 milioni di euro a tutti Comuni

500 milioni di euro a favore dei Comuni per opere di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile. E’ la “norma Fraccaro” contenuta nell’articolo 31 del Decreto Crescita approvato dal Consiglio dei Ministri. Obiettivo della norma e’ quello di finanziare gli investimenti sul territorio per favorire la crescita nell’ottica della sostenibilita’. Le risorse, assegnate dal Ministero dello

Da revenge porn a sfregio volto: ecco il ‘codice rosso’

Il ddl ‘codice rosso’ incassa il primo via libera da parte della Camera (380 si’, nessun voto contrario con l’astensione di Pd e Leu) e si appresta a superare anche la prova del Senato. Varato dal Consiglio dei ministri a fine novembre del 2018, fortemente sostenuto dalla ministra leghista Giulia Bongiorno e dal Guardasigilli, il

Sulla carta d’identità tornano “padre” e “madre”

È in Gazzetta Ufficiale il provvedimento che prevede la dicitura “madre” e “padre” per la carta d’identità dei minorenni anziché “genitori”. Lo rende noto il Viminale. Il decreto, firmato dal ministero dell’Interno, da quello della Pubblica Amministrazione e da quello dell’Economia, porta la data del 31 gennaio 2019. Il provvedimento modifica il testo del decreto

Cdp: Camera ha eletto 8 componenti Commissione vigilanza – NOMI

L’Aula della Camera ha eletto i quattro componenti effettivi e i quattro componenti supplenti della Commissione di vigilanza sulla Cassa depositi e prestiti. Sono stati eletti componenti effettivi i deputati Raffaele Trano (M5s), Nunzio Angiola (M5s), Sestino Giacomoni (FI) e Gianpietro Dal Moro (Pd); sono eletti componenti supplenti Emilio Carelli (M5s), Paolo Paternoster (Lega), Rebecca