Politica

Pd, arriva lo scisma di Renzi: ecco i numeri, i tempi e l’impatto

Il Partito Democratico sembra ormai alla soglia di una nuova scissione, forse la piu’ traumatica della sua storia. Ecco in dieci domande, i numeri, i tempi e l’impatto politico della mossa di Matteo Renzi. Matteo Renzi scioglie la riserva: lascio il Pd e costruisco una casa nuova. Ecco chi lo segue 1) RENZI PUO’ FARE

Lega, a Pontida Salvini ritrova il ‘suo’ popolo: qui Italia che vincera’

Matteo Salvini ritrova il ‘suo’ popolo a Pontida e lo ‘chiama’ alla partecipazione. “Qui c’e’ l’Italia che vincera’”, scandisce piu’ volte il capo leghista, dal palco dello storico raduno nelle valli bergamasche, il piu’ affollato che si ricordi negli ultimi anni, chiedendo ai militanti di prendere parte attiva in questo percorso di “ricostruzione”. Gli strumenti

Renzi si prepara a voltare pagina: tutto pronto per la nona edizione della Leopolda

 Per voltare pagina Matteo Renzi sceglie ancora una volta la Leopolda. Cosi’ come fatto dal 2010 ad oggi, l’ex leader dem fa fermata alla storica stazione di Firenze prima di prendere la rincorsa verso un nuovo progetto. E questa volta in ballo c’e’ l’uscita dal suo partito e la creazione di un gruppo autonomo alla

Pd, scisma Renzi piu’ vicino: i dubbi degli esponenti dem

Tutto si puo’ dire della scissione annunciata dai renziani fuorche’ sia consensuale. Perche’ Nicola Zingaretti ha fatto dell’unita’ la sua bussola e perche’ lo stato maggiore del partito e’ concorde nel ritenere la scelta dell’ex segretario una “follia”, nella migliore delle ipotesi. Una “furbata” per i piu’ critici nei confronti dell’ex segretario. Rosato, coordinatore dei

Governo, terminata squadra riparte Parlamento: primi nodi per M5S-Pd

Completata la squadra di governo, con la nomina dei viceministri e sottosegretari, ora l’attivita’ dell’esecutivo puo’ entrare a regime e, di conseguenza, possono ripartire a pieno ritmo i lavori parlamentari. Martedi’ pomeriggio si riunira’ la conferenza dei capigruppo del Senato, per stilare il nuovo calendario dei lavori dell’Aula. Anche a Montecitorio e’ ripresa l’attivita’, ma

Pd, Boschi guida fronda renziana: fantasma scissione. Zingaretti: Basta tormentoni

Il dado del governo è tratto e in casa Pd sono state rispettate quasi tutte le aree interne. La maggioranza del partito fa il pieno, ma dalla partita non escono di certo a mani vuote nemmeno i renziani, che portano a casa 4 sottosegretari e un vice ministro, Anna Ascani, da giorni ‘blindata’ all’Istruzione per

Governo, sorprese ed esclusi eccellenti nella partita sottosegretari: ecco i nomi

La squadra di governo e’ finalmente al completo, cosi’ come aveva sollecitato anche ieri il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, niente affatto entusiasta della prospettiva di aprire la fase di bilancio con una squadra dimezzata. Di qui l’accelerazione, il lavoro notturno portato avanti soprattutto in casa M5s che ha permesso la fumata bianca di primo

Da Sace a Eni ed Enel: si apre la partita nomine

Parte la girandola delle nomine nelle partecipate pubbliche. Uno dei dossier economici più pesanti che il governo si troverà a gestire da qui alla prossima primavera sarà proprio quello del rinnovo dei vertici e dei membri dei consigli di amministrazione delle società in cui il ministero dell’Economia o la Cdp hanno una quota di maggioranza.

Governo: si accelera su sottosegretari per nomina in settimana

Chiudere in fretta, entro venerdì, la squadra dei sottosegretari. Per poter procedere subito a pieno regime con l’attività di governo e parlamentare. E’ l’obiettivo che spinge in queste ore ad accelerare le trattative tra M5s e Pd. Si vanno definendo alcune caselle, in una lista di una quarantina di nomi: all’Economia ad esempio sarebbero in

Governo, M5S-Pd: arriva il coordinamento “anti-conflitti”

Più che un matrimonio a due parte da una “liaison à trois” – premier, M5s e Pd – il governo per il quale Giuseppe Conte chiederà lunedì la fiducia alle Camere: ma l’obiettivo che si sono dichiarati i protagonisti – Zingaretti e Di Maio, oltre al premier – è di evitare quello che è avvenuto