Elezioni

Legge elettorale, ora spunta il Lauricellum: rebus 40%. Ecco cosa prevede

La Camera inizierà l’esame della legge elettorale il 27 febbraio, previa conclusione dei lavori in commissione Affari costituzionali. L’ha stabilito la riunione dei capigruppo di Montecitorio, accogliendo la richiesta di calendarizzazione urgente avanzata dal M5S, votata anche da Pd, Lega e FdI. Ma vediamo cosa prevede il nuovo sistema elettorale che pare si stia facendo

Il monito di Giorgio Napolitano: “Al voto solo nel 2018 a scadenza naturale”

“Nei paesi civili alle elezioni si va a scadenza naturale e a noi manca ancora un anno. In Italia c’è stato un abuso del ricorso alle elezioni anticipate. Bisognerebbe andare a votare o alla scadenza naturale della legislatura o quando mancano le condizioni per continuare ad andare avanti. Per togliere le fiducia ad un governo

Legge elettorale: in aula il 27 febbraio

La legge elettorale approderà nell’Aula della Camera il 27 febbraio, ammesso che la Commissione Affari costituzionali ne abbia concluso l’esame. E se ciò avverrà il regolamento della Camera consentirà il contingentamento dei tempi dall’1 marzo, con una rapida approvazione. Questo in sostanza si può tradurre con il pressing del segretario del Pd per raggiungere un

Beppe Grillo scrive a Sergio Mattarella: “Ora al voto con il Legalicum”

Il leader del M5S Beppe Grillo scrive al presidente della Repubblica Sergio Mattarella invitandolo a sciogliere le Camere per restituire la parola al popolo. Grillo scrive sul suo blog:  “Da ieri finalmente l’Italia ha di nuovo una legge elettorale costituzionale per la Camera e una, diversa, per il Senato. Lei ha fatto sapere che prima

Pd, Renzi vuole elezioni: 11 giugno la data proposta. Oggi la nuova squadra del partito

Ed ora che la Consulta si è pronunciata sull’Italicum, l’ex premier Matteo Renzi . La sentenza della Corte Costituzionale regala all’Italia un sistema elettorale per la Camera immediatamente applicabile, come non poteva non essere, ma che diverge in piu’ punti da quello del Senato. Quest’ultimo e’ quello uscito dalla precedente sentenza della Consulta (n 1 del 2014), chiamato

Italicum, 10 collegi alla Campania: ecco la suddivisione dettagliata

    Rosatellum, tutti i nuovi collegi d’Italia: ecco la suddivisione dettagliata   Sull’Italicum nella giornata di oggi si è pronunciata la Consulta .  No al ballottaggio, resta il premio di maggioranza, i capilista eletti in più collegi non potranno più optare ma si vedranno assegnato il collegio con il sorteggio. E’ questa la decisione della Consulta

Dall’Italicum al Consultellum: sistemi di voto diversi per Camera e Senato

La sentenza della Corte Costituzionale regala all’Italia un sistema elettorale per la Camera immediatamente applicabile, come non poteva non essere, ma che diverge in piu’ punti da quello del Senato. Quest’ultimo e’ quello uscito dalla precedente sentenza della Consulta (n 1 del 2014), chiamato nel linguaggio giornalistico Consultellum proprio perche’ scritto dai 15 giudici costituzionali.