Rosa Piro è ricercatrice di Linguistica italiana presso l'Università di Napoli "L'Orientale". Si occupa soprattutto dello studio della lingua medica italiana attraverso i secoli. Ha lavorato in particolare sul primo manuale medico in italiano, l'Almansore, e ora è impegnata nello studio della lingua della anatomia di Leonardo da Vinci. Ama la Poesia e i gatti, tra questi ultimi più di tutti Gatto Felice.

L’uomo che cammina: Jiro Taniguchi e la poesia dei manga

I giornali francesi sono stati i primi a dare la notizia della morte del mangaka nipponico Jiro Taniguchi, sabato scorso, 11 febbraio 2017. In Francia era molto amato più che in ogni altra Paese e persino più che in Giappone. Ciò è dovuto soprattutto al modo in cui è stato conosciuto, per il suo stile

Santi Viaggi

Prendiamo spunto, per questo articolo, dalla recensione di Jean Senié per segnalare il volume di Dominique Julia, Le voyage aux Saints. Les pélerinages dans l’Occident moderne (XVe-XVIIIe siècle), Paris, Seuil, 2016, in cui si affronta il fenomeno dei santi viaggi, dei pellegrinaggi europei che durante l’età moderna hanno contribuito a strutturare la mentalità dell’Occidente che

Lettera ai cercatori di Dio

Dalle parole ai libri  a cura di Rosa Piro  «Siamo cercatori di felicità, appassionati e mai sazi. Questa inquietudine ci accomuna tutti», comincia così la “Lettera ai Cercatori di Dio”, preparata nel 2008 dalla Commissione Episcopale per la dottrina della fede e pubblicata per le Edizioni Paoline nel 2009. Una lettera rivolta ai credenti ma anche,

Il racconto di Natale

  * C’era una volta un bambino che si chiamava Michele. Poiché si avvicinava il Natale, decise di scrivere a Babbo Natale chiedendogli dei fiori profumatissimi e colorati perché avrebbe dovuto liberare sua Madre da uno stregone che l’aveva rapita da tempo e che la teneva segregata nel suo castello d’oro. Quando Babbo Natale ricevette

Un Convegno di Lingua Medica

Si terrà a Torino, nelle giornate del 15 e 16 dicembre, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Torino, il primo convegno interamente dedicato alla storia della lingua della medicina italiana, organizzato da Rosa Piro e Raffaella Scarpa grazie ai contributi e al sostegno delle Università di Napoli “L’Orientale” e di Torino. Gli

I martiri di Aleppo (parte prima): Bana Alabed

Uno dei blog del giornale francese Le Monde, curato da Luc Vinogradoff, ha pubblicato un articolo sull’inferno dei quartieri di Aleppo assediati dalla guerra raccontato da una bambina di sette anni, Bana Alabed. La madre della bambina, Fatemah Al-Abed, ogni giorno trascrive le parole della figlia su twitter per dare un’idea di quanto vedono gli occhi

“Reggo in mano la mia anima di sole”: la poesia di Benjamin Fondane Fundoianu

Poesia! Quanta speranza ho riposto in te! Quanta cieca certezza, quanto messianismo! Ho creduto veramente che tu potessi liberare e rispondere là dove la metafisica e la morale avevano da lungo tempo serrato i battenti. Ti credevo la sola e valida forma di conoscenza, l’unica ragione per l’essere di perseverare nell’essere. Con una lente di

La storia dell’Ospedale degli Incurabili o della Misericordia a Napoli  

Durante questo anno della Misericordia, chiusosi ufficialmente il 20 novembre, Papa Francesco ha invitato più volte a soffermarsi sulla tenerezza di Dio che si attua, hic et nunc, nella storia personale di ciascuno. Si possono, tuttavia, tracciare le linee di storie collettive della Misericordia che, nascoste alla grande Storia per secoli, riemergono grazie al ritrovamento

“Io parlo con franchezza”: la scrittura senza aggettivi di Giuseppe Moscati

La nostra rubrica accoglie oggi, nel giorno della sua festa, le parole del più famoso medico napoletano, Giuseppe Moscati, canonizzato nel 1987 da Papa Giovanni Paolo II. Il nostro interesse è di guardare alle caratteristiche degli scritti che Moscati ha lasciato, che possono leggersi nei numerosi volumi pubblicati nel corso degli anni e che tratteggiano la

……ancora ‘sui condannati a morte a Napoli dal 1556 al 1862’

Come già annunciato nell’articolo di martedì 1 novembre, l’11 novembre, alle ore 17.00, presso l’aula Tecce del Complesso ospedaliero degli Incurabili di Napoli, si terrà un incontro curato dal Museo delle Arti Sanitarie in cui sarà presentato il volume di Antonella Orefice, I giustiziati di Napoli dal 1556 al 1862 nella documentazione dei Bianchi della