Dall’Abruzzo referendum per l’abolizione della quota proporzionale

“La Lega e’ pronta a partire da qui in Abruzzo per farsi promotrice, con tutte le altre forze del centrodestra in Regione, della proposta referendaria per l’abolizione della quota proporzionale di due terzi dei seggi cosi’ come previsto dall’attuale sistema elettorale per arrivare, finalmente, a un sistema maggioritario puro”. A dichiararlo il segretario regionale della Lega Salvini per l’Abruzzo, Giuseppe Bellachioma, per far approvare l’iter che permettera’ di votare la proposta referendaria, assieme ad altre quattro regioni italiane, di riforma elettorale. Proposta che deve partire dai rispettivi Consigli regionali attraverso il lavoro nelle commissioni e poi dalla decisione con il voto nelle aule consiliari. “Nei 630 collegi uninominali – spiega Bellachioma – avra’ cosi’ la possibilita’ ogni elettore di conoscere il nome e cognome del candidato che effettivamente poi andra’ in Parlamento. Verra’ tolta la quota proporzionale per rendere il sistema totalmente maggioritario come quella che avviene per l’elezione diretta dei sindaci nei nostri comuni”. “Ci apprestiamo a compiere un atto altamente democratico e costituzionale – evidenzia il segretario regionale di Lega Abruzzo per Salvini – attraverso l’indizione di un referendum popolare per deliberare l’abrogazione parziale di una legge elettorale attraverso cinque assemblee regionali”. “Chiamo al senso di responsabilita’ il centrodestra abruzzese – conclude Bellachioma – per un iter che mi auguro possa essere concluso entro il mese di settembre, perche’ il ritorno al proporzionale, come vuole fare il governo Conti bis, sarebbe un ritorno al passato”.