Papa: la fede lampada accesa che illumina le notti della vita

“Ci e’ richiesto di mantenere ‘le lampade accese’, per essere in grado di rischiarare il buio della notte. Siamo invitati, cioe’, a vivere una fede autentica e matura, capace di illuminare le tante ‘notti’ della vita”. Lo ha detto Papa Francesco, commentando il Vangelo durante l’Angelus in San Pietro. “La lampada della fede – ha spiegato – richiede di essere alimentata di continuo, con l’incontro cuore a cuore con Gesu’ nella preghiera e nell’ascolto della sua Parola. Questa lampada ci e’ affidata per il bene di tutti: nessuno, dunque, puo’ ritirarsi intimisticamente nella certezza della propria salvezza, disinteressandosi degli altri”. Il pontefice ha sottolineato che “siamo chiamati a far fruttificare tutti i talenti, senza mai dimenticare che ‘non abbiamo qui la citta’ stabile, ma andiamo in cerca di quella futura’. In questa prospettiva, ogni istante diventa prezioso, per cui bisogna vivere e agire su questa terra avendo la nostalgia del cielo, i piedi sulla terra, camminare sulla terra, fare bene sulla terra e il cuore nostalgico nel cielo” dove “la gioia eterna del paradiso si manifesta cosi’: la situazione si capovolgera’, e non saranno piu’ i servi, cioe’ noi, a servire Dio, ma Dio stesso si mettera’ a nostro servizio”.

[], [], []