Reddito di cittadinanza, online il sito: ecco le tappe per ottenerlo

Dall’avvio del sito in versione informativa, alla presentazione della domanda, fino all’ottenimento della Card Rdc con sopra gli importi del reddito di cittadinanza. Ecco il percorso a tappe che scandirà il calendario per la partenza del reddito di cittadinanza.

– 4 FEBBRAIO, IL SITO: Nel primo pomeriggio verrà attivato il sito Redditodicittadinanza.gov.it. Conterrà le informazioni su come funziona e su come richiederlo. Nel primo mese sarà solo un sito informativo.

– FEBBRAIO, LA DOCUMENTAZIONE: Per chi ritiene di poter presentare la domanda del reddito di cittadinanza è il mese in cui bisogna mettere a punto la documentazione. E’ necessario procurarsi il proprio Isee, che è l’indicatore della ricchezza patrimoniale di una famiglia e che non dovrà superare i 9.360 euro (ma questo è solo uno dei criteri, che guardano anche al reddito familiare e al possesso di alcuni beni e acquisti). Per la richiesta bisogna rivolgersi ad un Caf. Per chi poi desidera presentare la domanda direttamente dal sito, senza rivolgersi alle Poste, è necessario essere in possesso dello Spid, cioè la password che consente l’accesso a tutti i servizi della pubblica amministrazione introdotta nella precedente legislatura

– 6 MARZO, IL RDC-DAY: E’ il giorno in cui cominceranno ad essere accettate le domande, sia sul sito sia alle poste sia presso un Caf (ma la convenzione non c’è ancora).

– INIZIO APRILE: Il ministero invia le domande all’Inps che in pochi giorni dovrà verificare i requisiti e comunicherà l’eventuale accoglimento con una e-mail o con un Sms. La comunicazione arriverà anche alle poste che, in un tempo stimato in circa 10 giorni, comunicherà la data dell’appuntamento nella quale ci si dovrà presentare ad uno specifico ufficio postale per ritirare la Card.

– FINE APRILE: Si stima che le prime domande avranno la disponibilità del reddito di cittadinanza sulla Card entro la fine del mese di aprile

– APRILE-MAGGIO: Entro 30 giorni dalla mail o sms dell’Inps che conferma l’accoglimento della domanda tutti i componenti della famiglia considerati adatti al lavoro (da 18 ai 65 anni se non studiano e non sono disabili) devono rivolgersi ad un Centro per l’Impiego o ad un patronato convenzionato con l’Anpal per firmare la “Did”, la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro.

– 6 MAGGIO: A partire dal 6 di ogni mese si ricomincia. Le domande presentate saranno poi raccolte alla fine del mese e dopo l’iter di verifica consentiranno di ricevere il reddito alla fine del mese successivo.

– DA AGOSTO-SETTEMBRE: E’ previsto dopo l’estate l’arrivo dei primi tutor – i ‘navigator’. Saranno loro a ‘guidare’ chi ha chiesto il reddito di cittadinanza alla ricerca di un nuovo lavoro o all’attivazione di un percorso di formazione.