Campania, Comunità di Sant’Egidio: oltre 60 pranzi di Natale

Quella del Pranzo di Natale con i poveri è una tradizione nata più di trent’anni fa nella chiesa di Santa Maria in Trastevere a Roma. All’inizio era una tavolata con un piccolo gruppo di persone, che poi di anno in anno si è allargata sempre di più, tanto da raggiungere 73 Paesi del mondo, ovunque sia presente la Comunità di Sant’Egidio.

Nell’anno del 50° anniversario della fondazione della Comunità di Sant’Egidio sono previste oltre 60 iniziative a Napoli e in Campania.  Anziani soli, senza dimora, migranti, carcerati, bambini, disabili, rom, famiglie in difficoltà festeggeranno il Natale negli istituti, nelle carceri, nei campi rom e in alcune chiese. Italiani insieme a stranieri formeranno una famiglia più larga attorno alla quale stringersi.

Per ognuno di loro ci sarà un posto a tavola, doni natalizi e il regalo più importante: la nostra amicizia.

Oltre 6000 poveri coinvolti nei pranzi di Natale, nelle feste e nelle distribuzioni per strada. L’invito al Pranzo dà dignità a chi lo riceve: tutti sono chiamati per nome. E’ il segno di un’amicizia che dura tutto l’anno: tante visite che trasformano le giornate di chi vive in carcere, di chi è ricoverato in ospedale, in istituto o soffre di solitudine.

Tanti anche i volontari che da vari luoghi della Campania parteciperanno alle iniziative messe in campo durante il periodo natalizio.

 

Alcuni appuntamenti

 

  • Il 25 dicembre alle ore 13,30 pranzo nella Basilica dei Ss.Severino e Sossio dove parteciperà anche il Cardinale Sepe.
  • Sempre il 25 dicembre ci saranno altri pranzi: a Scampia nella chiesa dei padri Redenzionisti, ad Aversa nella sede della Comunità in via del Plebiscito, a Fuorigrotta nella chiesa di S. Antonio Ardia, nel centro storico nella chiesa di Nicola al Nilo.

 

Ancora sono previste durante le festività

  • Feste nei campi rom di Casoria, Ponticelli, Doganella e Giugliano.
  • Pranzi e feste con i bambini delle scuole della pace a Borgo Loreto, nel Centro Storico, Ai Quartieri Spagnoli, alla Sanità, a Scampia, san Giovanni a Teduccio e Aversa.
  • Feste e pranzi nelle Rsa e negli istituti per anziani a Benevento, Salerno, Casoria, Pozzuoli, San Giorgio a Cremano, Ercolano, Villaricca, Mugnano, al Vomero, al Centro Storico, a Chiaiano, Ponticelli e Scampia.
  • Cene itineranti per i senza fissa dimora nelle sere del 24 e 31 dicembre e cena al Dormitorio Pubblico il 6 gennaio alle ore 18.
  • Pranzi e feste con i migranti.
  • Pranzi nelle carceri a Poggioreale(2), Secongigliano(3), Pozzuoli, Santa Maria Capuavetere, Benevento, Ariano Irpino, Carinola, Pozzuoli con 1000 detenuti. Il 21 dicembre a Poggioreale ore 13 e il 27 dicembre a Secondigliano (dove interverrà il Cardinale Sepe) ore 12,30 è possibile accedere alla Stampa.

 

Per realizzare questi eventi c’è stato un grande contributo di tanti, una gara di solidarietà che ha coinvolto  aziende, ristoratori, negozianti, artisti ma anche semplici cittadini.

 

Si ringraziano:

Le aziende

Kimbo, Ferrarelle, Coca Cola, Gala Eventi, Pastificio Rummo, Marisa Cuomo, Salvatore Martusciello, Atelier Bencivenga, Fattorie La Rivolta di Torrecuso, ditta Domenico Ventura, Commerciale Italiana srl, il CONSORZIO TUTELA  MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA (Caserta), EP Ristorazione S.p.A., DECO’ MULTICEDI di CAPUA, V. BESANA S.P.A. (S. Gennaro Vesuviano), lo STAFF CAMOMILLA ITALIA, FUTURA LINE INDUSTRY SPA, CAPUTO VINCENZO (Somma Vesuviana), Passalacqua, SO.FA srl (Cardito d Napoli)

 

I ristoranti

Bersagliera, Baccalaria, L’Europeo di piazza Borsa, Amico Bio Spartacus Arena di Santa Maria Capuavetere, HOSTARIA LA CAMPANELLA, l’Antica Osteria Pepp’  o Russ’ di Aversa

 

Gli esercizi commerciali

caseificio Amodio Raimo di Pompei, Paolo Cerino, Pasticceria Di Costanzo, Sal De Riso, pasticceria Pepe di Sant’Egidio Montalbino, Pasticceria Infante, IL CHIOSCO DEI FIORI, F.lli DELLA BELLA (Afragola), Pizzeria Di Matteo

ma anche

la Caritas di Aversa, le Diocesi di Teggiano Policastro e di Sessa Aurunca, la Coldiretti di Benevento, CSV Napoli, l’I.P.S.A.R “Le Streghe” di Benevento, Rossella paliotto, Vitigno Italia

e inoltre

Lino D’Angiò, Fabio Fiorillo, Franco Mayer e Pasquale Terracciano, Ida Rendano, Monica Sarnelli, Shara, Lino Volpe

 

Il Natale è un una festa di pace ed è il grande augurio di pace che da Sant’Egidio vogliamo mandare a tutto il mondo: pace per la nostra città, perché ci sia posto per tutti, pace per chi soffre per la guerra. Facciamo di questo Natale un giorno di festa anche per tanti poveri!