Boscoreale, elezioni all’Istituto Comprensivo Cangemi: plebiscito per Raffaele Auricchio

Mai elezioni scolastiche hanno avuto una così alta percentuale di partecipazione e mai una lista ha ottenuto un simile plebiscito. Il fenomeno che sta facendo il giro dei social e dei gruppi specializzati è avvenuto all’Istituto Comprensivo Cangemi di Boscoreale, in provincia di Napoli, dove quasi 400 genitori hanno votato alle elezioni del recente Consiglio d’Istituto. Una delle tre liste candidate, denominata L’Eco dei Genitori, ha conquistato l’82% dei consensi, ottenendo 7 degli 8 seggi disponibili. Al suo interno, il capolista Raffaele Auricchio ha ottenuto ben 186 preferenze, un autentico record per il mondo della scuola, se consideriamo che il più alto numero di preferenze nelle altre liste lo ha ottenuto Luigia Mase con appena 32 voti.
La vittoria di Auricchio era comunque prevedibile, anche se non in misura così schiacciante, visto che il presidente del CdI uscente, negli ultimi tre anni, ha rivoluzionato il modo di rapportarsi tra scuola e genitori, soprattutto attraverso una continua campagna di comunicazione e la vigilanza sui progetti che coinvolgevano gli alunni della primaria e della secondaria che fanno parte della Cangemi.
“Sono molto soddisfatto del risultato e ringrazio tutti i genitori che hanno votato – dice Raffaele Auricchio, presidente dell’Age (Associazione GEnitori) di Boscoreale – in particolare quei tanti che hanno scelto la nostra lista. Il segnale è stato molto chiaro, l’obiettivo è quello di continuare sulla strada che fin qui è stata percorsa. Una nuova designazione a Presidente del Consiglio, che andrebbe solo a rispettare la volontà dei genitori, non potrà fare altro che rafforzare il rapporto con l’istituzione scolastica della Cangemi. Il nostro contributo al fianco dei docenti, del personale Ata e dei dirigenti è continuo per una scuola aperta e condivisa”. Inevitabile, comunque, considerando l’abissale differenza di voti, che venga di nuovo eletto Auricchio nella votazione interna al CdI. Sarebbe assurdo ribaltare la scelta democratica effettuata dall’82% dei genitori che hanno sacrificato la domenica mattina e il lunedì lavorativo per poter esprimere la loro preferenza. Insieme a Raffaele Auricchio, sono stati eletti Carmela Contino, Marianna Carotenuto, Oreste Mancini, Michele Amoruso, Fernanda Ingenito e Daniela Carbone per la lista vincente, mentre per la lista numero 3, con 32 voti, è stato conquistato un seggio da Luigia Mase.