Crollo ponte Morandi a Genova, dal fondo ai pedaggi: ecco le misure annunciate da Autostrade

 Ecco, nel dettaglio, le misure annunciate da Autostrade per l’Italia nella conferenza stampa a seguito del crollo di Ponte Morandi, a Genova.
– FONDO PER LA FAMIGLIE DELLE VITTIME Per quanto riguarda le famiglie delle vittime e quelle direttamente coinvolte perche’ residenti nelle abitazioni oggetto di demolizione connessa alla costruzione del nuovo ponte, la societa’ ha previsto un fondo speciale immediatamente disponibile di alcuni milioni di euro a disposizione del Comune di Genova, da destinare alle famiglie delle vittime indipendentemente da eventuali indennizzi o risarcimenti futuri. Per ciascuna famiglia la cui abitazione sara’ oggetto di demolizione per la costruzione del nuovo ponte, e’ previsto un indennizzo pari al valore di mercato dell’immobile, un sovrapprezzo del valore dell’immobile motivato con l’urgenza delle operazioni piu’ un importo ulteriore per la ricollocazione.
– RICOSTRUZIONE DEL PONTE IN ACCIAIO Sul fronte della ricostruzione del ponte crollato, Autostrade per l’Italia ha predisposto un piano di fattibilita’ per l’intervento nel piu’ breve tempo possibile, compatibilmente con i tempi di autorizzazione che Enti locali e Magistratura potranno consentire. Il progetto – interamente pensato, realizzato e finanziato da Societa’ Autostrade – si articola in un periodo stimato di 8 mesi e prevede la demolizione in circa 3 mesi delle attuali strutture rimaste del ponte Morandi, la demolizione delle case sottostanti, la ricostruzione in circa 5 mesi del ponte in acciaio secondo le piu’ moderne tecnologie ad oggi disponibili.
– VIABILITA’ CITTADINA Sul fronte del sostegno alla mobilita’ cittadina, Autostrade, a seguito di uno studio condotto insieme al Comune di Genova e con la collaborazione tecnica di Sviluppo Genova, ha ipotizzato interventi urgenti per il ripristino della viabilita’ e l’attivazione di percorsi alternativi. In particolare un asse viario sul lato destro del torrente Polcevera, una rotonda per facilitare l’ingresso al porto, un percorso riservato ai mezzi pesanti sulle aree Ilva, la messa in sicurezza di un viadotto di proprieta’ demaniale di accesso al casello di Genova Aereoporto. Sempre per agevolare la viabilita’ cittadina, Autostrade per l’Italia e’ disponibile a supportare, finanziando un premio di accelerazione e con interventi operativi, il completamento del lotto 10 che comprende il collegamento tra lungomare Canepa e lo svincolo aeroportuale. Tutto cio’ consentirebbe di anticipare i tempi di consegna per la prima direzione entro novembre 2018 e l’intera opera entro dicembre 2018/gennaio 2019.
– ELIMINAZIONI PEDAGGI Inoltre la societa’ ha previsto l’eliminazione dell’ammontare dell’intero pedaggio, accollandosi tutti gli oneri conseguenti, per tutti i mezzi in ingresso a Bolzaneto e in uscita a Ge Ovest (e viceversa), e in ingresso a Voltri e in uscita a Genova Aereoporto ( e viceversa). Tale regime sara’ mantenuto fino alla completa ricostruzione del nuovo ponte sul Polcevera.
– TRASPORTI PUBBLICI Infine Autostrade per l’Italia e’ disponibile a supportare economicamente il Comune di Genova per incrementare le frequenze dei mezzi di trasporto pubblico sulle direttrici della viabilita’ urbana. Autostrade per l’Italia e’ pronta a rendere operative tali proposte che, con i necessari aggiustamenti da parte delle istituzioni, possono essere attivate gia’ da lunedi’ prossimo.