Marchionne sta male. Già al lavoro Manley: è il nuovo ad di Fca

Il presidente di Fca, John Elkann, ha scritto una lettera ai dipendenti dopo la nomina di Mike Manley come amministratore delegato del gruppo, nell’ambito degli avvicendamenti seguiti al peggioramento delle condizioni di salute di Marchionne: “Siamo eternamente grati a Sergio”, ha scritto. Elkann si è detto inoltre “certo del supporto” dei lavoratori nei confronti del nuovo ad.

La LETTERA di Elkann ai dipendenti

Manley è già al lavoro: il primo appuntamento in agenda è la riunione a Torino, al Lingotto, domani e martedì, del Gec (Group Executive Council), l’organismo decisionale del gruppo, costituito dai responsabili dei settori operativi e da alcuni capi funzione e guidato dall’amministratore delegato.

Le condizioni di Marchionne  – spiega il gruppo – sono peggiorate dopo che in settimana erano sopraggiunte complicazioni inattese durante la convalescenza post-operatoria, aggravatesi ulteriormente nelle ultime ore.  Il consiglio di amministrazione di Fca – si spiega – ha deciso dunque “di accelerare il processo di transizione per la carica di ceo in atto ormai da mesi e ha nominato Mike Manley amministratore delegato”.

CHI E’ SERGIO MARCHIONNE, IL MANAGER CHE GUARDA AGLI USA

E, intanto, come anticipato da Automotive News Europe, è Louis Carey Camilleri, membro del board Ferrari, il successore di Sergio Marchionne nella carica di amministratore delegato della casa di Maranello. Il presidente sarà John Elkann. Il cambio al vertice – secondo le indiscrezioni – sarà deciso oggi nel cda della Rossa. Louis Carey Camilleri si è formato in Philip Morris International.

Nella foto Louis Carey Camilleri

E’ una donna, Suzanne Heywood, la nuova presidente di Cnh Industrial. Lo ha deciso il cda che “ha preso atto con profondo rammarico che il presidente Sergio Marchionne non potrà tornare all’attività lavorativa”. Il consiglio – si legge nella nota – continuerà a lavorare al processo di selezione del ceo già in atto. Nel frattempo Derek Neilson proseguirà l’incarico di ceo ad interim, assicurando continuità operativa. Il cda sottolinea “la leadership e l’impegno straordinari che Marchionne ha dedicato all’azienda”.

Le indiscrezioni sullo stato di salute di Marchionne – che secondo le notizie ufficiali è stato operato alla spalla destra – negli ultimi giorni si sono moltiplicate. Anche ieri il sito Lettera43 aveva parlato di una convocazione a Torino da parte del presidente John Elkann del top management dell’azienda per accelerare il cambio al vertice, ma Fca ha smentito. Sergio Marchionne, arrivato a Torino nel 2004, avrebbe dovuto lasciare il gruppo il prossimo anno, nell’assemblea di Amsterdam che approverà i conti 2018, ma avrebbe dovuto mantenere la guida della Ferrari.

Dalla 500 alla Jeep, 14 anni di Lingotto – VIDEO

Marchionne, classe 1952, ha presentato il primo giugno il nuovo piano Fca per il periodo 2018-2022. Il 26 giugno ha partecipato alla cerimonia di consegna di una Jeep Wrangler ai Carabinieri a Roma. (ANSA)