Grande successo al Lido Varca d’Oro di Giugliano per il “Beach Soccer Gala 2018”

La tappa campana di Giugliano si è aperta ufficialmente la sera di giovedì 26 luglio presso il Lido Varca d’Oro di Via Orsa Maggiore con un evento di Gala che ha celebrato, nel migliore dei modi, i 15 anni del Campionato Italiano di Beach Soccer della FIGC – Lega Nazionale Dilettanti. Tanti gli ospiti d’eccezione che si sono alternati sul palco in una serata all’insegna dell’aggregazione tra società, dirigenti e componenti arbitrali, accompagnata dalle specialità enogastronomiche delle aziende del territorio Tufò e Porto di Nola. In prima fila il Presidente della LND Cosimo Sibilia che ha espresso grande soddisfazione per lo sbarco del Beach Soccer nella sua Campania, una tappa “ritrovata”, che il numero uno dell’azionista federale di maggioranza, si augura sia la prima di una lunga serie.

Un prestigioso “sotto le stelle” fortemente voluto ed organizzato dalla Società sportiva partenopea Napoli Beach Soccer del Presidente Raffaele Moxedano, promotrice della tappa nella quale da oggi fino a domenica si affronteranno le 10 squadre del girone B della Serie Aon per l’ultimo atto prima della “Final Eight” scudetto che si svolgerà nella perla jonica di Catania dal 9 al 12 di agosto. Un evento in cui sono stati ripercorsi e festeggiati tre lustri di una disciplina diventata fiore all’occhiello della LND e dell’estate italiana, in un’atmosfera conviviale arricchita dal music live show di Marco Rovezzi.

Un appuntamento improntato anche alla solidarietà, che sarà “attivo” per l’intera durata della tappa campana, grazie all’Associazione dei Braccialetti Rosa (indossati dal Napoli BS in ogni sfida) che si occupa della tutela della donna e della lotta al cancro. La presidentessa Raffaelita D’Alterio: “Un grazie di cuore al Napoli Beach Soccer per aver deciso di scendere in campo con il braccialetto rosa sostenendo la nostra mission in una terra complicata come questa. Cerchiamo di dare sostegno alle donne affette da cancro con grande impegno e con un messaggio di speranza che parte dalle spiagge di Giugliano, grazie alla LND ed ai ragazzi del Napoli BS, potrà giungere a tutta l’Italia”.

A condurre l’evento dell’estate partenopea è stato l’eclettico Stefano Piccirillo, docente, radio coach, giornalista, cronista sportivo, attore ed opinionista televisivo di Rai, Mediaset, Sky. Un grande professionista della radio media partner del Campionato, in onda sulle frequenze nazionali di Radio Kiss Kiss da moltissimi anni. Passione allo stato puro, la sua, che trasmette non solo a chi lo segue in diretta ma anche agli allievi delle accademie dove insegna Comunicazione Radiofonica e Storia della Musica. Ad affiancare Piccirillo nella conduzione del Beach Soccer Gala 2018, la bella e brava giornalista sportiva nonchè conduttrice televisiva Mary d’Onofrio, già modella con esperienze in concorsi del calibro di Miss Italia, Miss Sud e Miss Mondo. Lo “charme’s happening” generale è stato inoltre arricchito dalla bellezza di Maria Cristina Lucci, Miss Voce 2017. Nativa di Bacoli, diplomata al liceo delle scienze umane, studentessa al conservatorio Giuseppe Martucci di Salerno Maria Cristina è una cantante dalla vena pop che coltiva il sogno di partecipare al Festival di Sanremo. Quella di Miss Voce è la seconda fascia dopo il titolo onorifico di Miss Italia Talento, vinto sempre per le sue abilità artistiche.

Gli ospiti hanno avuto l’occasione di saggiare le qualità canore della Miss grazie ad una performance della stessa sotto gli occhi di un altro vero e proprio ospite d’onore come Umberto Scipione. Il grande direttore d’orchestra ha regalato momenti di grande musica ai presenti confermando la propria vicinanza al mondo del Beach Soccer. Scipione infatti è una di quelle personalità che, negli ultimi anni, hanno sempre sostenuto ed accompagnato il percorso di questa disciplina. Autore di grande successo, compositore, pianista e docente del Conservatorio di Santa Cecilia che, nella sua carriera, ha realizzato circa 200 colonne sonore per documentari, cortometraggi, film, sceneggiati radiofonici. Per il regista Luca Miniero ha composto le colonne sonore dei film “Benvenuti al sud” e “Benvenuti al Nord” per i quali ha ricevuto tre nominations al David di Donatello e “Un boss in salotto”. Ha inoltre composto: per Alessandro Siani le colonne sonore dei film “Il principe abusivo”“Si accettano miracoli” e “Mister Felicità”; per Carlo Verdone la colonna sonora del film “Sotto una buona stella” ottenendo la sua quarta nomination al David di Donatello; per Gennaro Scarpato la colonna sonora dell’episodio “Carichi di Meraviglia” terzo episodio del film “San Valentino Stories”.

Sul palco un altro “mattatore” come il grande giornalista Gianfranco Coppola vice Presidente Vicario dell’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) e membro comitato esecutivo AIPS Europe. Non è mancata la fine comicità di un attore come Gigi Attrice, un grande maestro nel rendere le parole meno veloci dei pensieri per poi arrivare dritte al cuore. Interventi partecipati sono stati effettuati dal Presidente Sibilia, dal Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti della LND Felicio De Luca, dal membro del Dipartimento Beach Soccer della LND e Team Manager della nazionale Ferdinando Arcopinto, dal mister degli azzurri Emiliano Del Duca, dal Delegato CR Campania al Calcio Femminile Giuliana Tambaro, del Sindaco di Giugliano Antonio Poziello, dal Direttore Commerciale del main sponsor Aon Francesco Trebisonda, da Samuel Gasperoni, del corpo di ballo del Campionato della T Event guidate dal coreografo Massimo Adorni e tanti altri.

L’evento si è concluso con lo show dello special guest Francesco Cicchella, fenomeno dei social, direttamente dalla tv e dal cinema. Un’artista a tutto tondo capace di interpretare voci e volti di decine di personaggi grazie alla sua straordinaria dote di imitatore, comico di spessore, versatile musicista d’impronta jazz e attore. Insuperabile, nel cast di Made in Sud, nel duo ‘Doppia Coppia’ con Vincenzo de Honestis.

Già ospite al Festival di Sanremo con una strepitosa interpretazione di Michael Bublé e vincitore della quinta edizione di Tale e quale show. Al Lido Varca d’Oro esilaranti le intepretazioni di Checco dei Modà, di Massimo Ranieri e appunto di Michael Bublè. Tra i tanti riconoscimenti consegnati ci sono, su tutti, quelli a:

Scipione Umberto 
Grande direttore d’orchestra che, negli ultimi anni, ha sostenuto ed accompagnato con le sue impareggiabili composizioni, la colonna sonora Beach Soccer.

Cicchella Francesco

Artista a tutto tondo: straordinario imitatore, comico di spessore, versatile musicista d’impronta jazz e attore. Stessa verve, la sua, che ritroviamo nelle appassionanti sfide sulla sabbia di una disciplina, il Beach Soccer, frizzante e coinvolgente.

Gigi Attrice

Maestro nel rendere le parole meno veloci dei pensieri per poi arrivare dritte al cuore, proprio come quei gol in grado di decidere una partita, spettacolari ed imprevedibili che solo il Beach Soccer è in grado di regalare.

Maria Cristina Lucci

Miss Voce RDS 2017, già Miss Italia Talento, esempio di bellezza e fascino mediterraneo come quello espresso dalle splendide location del grande Tour del Beach Soccer sulle spiagge più belle della sconfinata costa italiana.

Stefano Piccirillo

Professionista della comunicazione a 360° che ha legato la propria vita all’intrattenimento e all’insegnamento di questa magnifica arte nonché tra i maggiori punti di riferimento nazionali al microfono radiofonico, con passione e creatività, la stessa messa in campo dai protagonisti del grande Beach Soccer italiano: calcio no stop e a tutto gol!

Napoli Beach Soccer

Dici Beach Soccer, dici estate, mediterraneo e l’azzurro partenopeo non può mancare. Una delle Società più rappresentative del Campionato nazionale, modello di organizzazione e professionalità, impegnata in una costante crescita agonistica e strutturale.

Gianfranco Coppola

Sinonimo di giornalismo con punte di diamante in quello sportivo. Insieme a Ferdinando Arcopinto e alla Lega Nazionale Dilettanti, Coppola rappresenta la matrice stessa del Beach Soccer italiano. Un punto di riferimento irrinunciabile per una disciplina che, anche attraverso la sua penna, può mostrare tutto il proprio fascino.