Maltempo spacca l’Italia, atteso un peggioramento: in arrivo piogge e temporali

Forti piogge al centro-Nord e caldo primaverile al Sud. E’ un’Italia spaccata in due quella che si appresta ad affrontare nuove allerta meteo nel settentrione e un abbassamento delle temperature nel meridione, con l’arrivo delle piogge.

Il Po sale di 2 metri in 24 ore al Ponte della Becca – Il livello idrometrico del Po è salito dopo le piogge di circa 2 metri in 24 ore. E’ quanto emerge dal monitoraggio effettuato dalla Coldiretti questa mattina al Ponte della Becca (in provincia di Pavia, alla confluenza del Ticino nel Po). Dal controllo “si evidenzia – si legge in un comunicato di Coldiretti – come il rapido aumento del livello del principale fiume italiano sia significativo delle criticità registrata in molti corsi d’acqua e torrenti”. “L’arrivo di piogge e temporali violenti preoccupa – sottolinea la Coldiretti – per la stabilita idrogeologica con piene ed esondazioni per i fiumi e il rischio di frane o smottamenti per i terreni. Una situazione favorita dal fatto che tra pioggia, gelo e neve è caduto in questo inverno in Italia il 16% di acqua in più rispetto alla media storica con un decisa inversione di tendenza rispetto al deficit idrico fatto registrare nelle stagioni precedenti secondo l’analisi Coldiretti su dati Isac-Cnr”.

Venezia: alta marea a 119 cm, allagato 28% città – Venezia ha vissuto una serata di acqua molto sostenuta, con una punta massima che ha raggiunto i 199 centimetri sopra il medio mare. Con un simile livello viene allagato circa il 28% del centro storico.

Rallentamenti linea ferroviaria Chiusi-Firenze – Circolazione ferroviaria rallentata, dalle 4.30, sulla linea regionale Chiusi (Siena)-Firenze, per danni dovuti al maltempo fra Ponticino e Arezzo. Lo rende noto Fs spiegando che si sono verificate infiltrazioni d’acqua nella massicciata e che i treni viaggiano su un solo binario con conseguenti ritardi fino a 20 minuti. “In corso la riprogrammazione del servizio ferroviario e attivati servizi sostitutivi con autobus fra Ponticino e Arezzo”, spiega sempre Fs. Al lavoro i tecnici di Rfi.

Masso cade in A1 nel Fiorentino: auto lo urta, un ferito lieve – In seguito a un movimento franoso un masso è caduto stamani intorno sulla carreggiata nord dell’A1, all’ingresso della galleria Bruscheto, tra Incisa e Firenze Sud. Un’auto lo ha poi urtato e una persona è rimasta ferita in modo lieve, venendo successivamente portata in ospedale. E’ quanto riferisce la polstrada. Un’altra vettura e un camion sono stati colpiti dalle schegge del masso: nessuna conseguenza per le persone a bordo. L’A1 è stata chiusa e poi riaperta e attualmente sono 13 i km di coda tra le uscite di Valdarno e Firenze Sud: si viaggia solo in corsia di sorpasso. Sul posto intervenuti anche i tecnici di Autostrade. Secondo quanto spiegato dalla polstrada, in seguito al movimento franoso alcuni massi sono venuti giù dal terrapieno, venendo fermati dalla rete di contenimento tranne uno che è finito sulla carreggiata. E’ stato poi deciso di far cadere anche altri massi sull’autostrada. Per il traffico in nord consigliati come percorsi alternativi la Sr69, la Sp1 e il raccordo Siena-Bettolle.