Catalogna, Puigdemont: ‘Il Parlamento deciderà sull’indipendenza’

Ore convulse a Barcellona. In una riunione fiume al palazzo della Generalità per delineare la risposta al premier spagnolo Mariano Rajoy, sul tavolo del presidente catalano Carles Puigdemont, è passata anche l’ipotesi di scioglimento anticipato (con una data delle elezioni già fissata al 20 dicembre) per evitare il commissariamento. Ma, il rinvio di una conferenza stampa nella quale pareva potesse arrivare l’annuncio delle elezioni anticipate, il presidente catalano in una conferenza stampa spiega: “Avrei indetto le elezioni se vi fossero state le garanzie, ma queste garanzie” da parte di Madrid “non ci sono”. 

A questo punto – annuncia –  “sarà il Parlamento catalano a decidere se proclamare l’indipendenza dopo aver confermato che non convocherà elezioni per non aver ricevuto garanzie dal governo spagnolo” sullo stop al commissariamento della Catalogna. “L’applicazione dell’articolo 155 è abusiva e ingiusta, non accetto le misure che il governo di Madrid ha adottato”, ha detto ancora.

E Puigdemont ha rinunciato intanto a intervenire in apertura del dibattito del Parlament sulla risposta da dare all’attivazione dell’art.155 della costituzione da parte di Madrid contro la Catalogna. La parola è passata ai presidenti dei vari gruppi, che hanno mezz’ora di tempo di parola ciascuno. Non è chiaro se Puigdemont interverrà con una replica ai gruppi. La sessione prosegue domani.

Immediata e dura la replica di Madrid: La vicepremier spagnola Soraya Saenz de Santamaria ha detto al Senato di Madrid che il governo chiede l’attivazione dell’articolo 155 contro la Catalogna per “ristabilire l’esercizio dell’autogoverno catalano in un quadro costituzionale” e “tutelare l’interesse generale della Spagna”.

La polizia catalana dei Mossos d’esquadra ha blindato la zona del parlamento a Barcellona prima dell’inizio della sessione di questo pomeriggio. Gli agenti hanno chiuso il Parco della Cittadella che circonda il palazzo dell’assemblea. Una grande manifestazione indipendentista per la Repubblica è prevista domani alle 12.