Papa Francesco: ecco il nuovo ‘istituto’ per la famiglia. Motu proprio muta assetto giuridico

Il Papa ha deciso di rendere il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per il matrimonio e la famiglia diventi piu’ attento alle sfide teologiche del momento e in linea con quanto elaborato dal sinodo sulla famiglia e dalla “Amoris laetitia”. Per questo ha pubblicato oggi un “Motu proprio”, il “Summa familiae cura”, per dare “un nuovo assetto giuridico” alla istituzione: viene istituito il “Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia”, per il quale il Papa stabilisce anche una “privilegiata relazione” con la Congregazione per l’educazione cattolica e con il dicastero per i Laici e la famiglia. Le autorita’ accademiche dell’Istituto Teologico sono il Gran Cancelliere, il Preside e il Consiglio dell’Istituto.

“Il cambiamento antropologico-culturale, che influenza oggi tutti gli aspetti della vita e richiede un approccio analitico e diversificato, – spiega il Papa nella Lettera apostolica in forma di Motu Proprio “Summa familiae cura” – non ci consente di limitarci a pratiche della pastorale e della missione che riflettono forme e modelli del passato”. “Dobbiamo essere interpreti consapevoli e appassionati della sapienza della fede – prosegue il Motu proprio – in un contesto nel quale gli individui sono meno sostenuti che in passato dalle strutture sociali, nella loro vita affettiva e familiare. Nel limpido proposito di rimanere fedeli all’insegnamento di Cristo, dobbiamo dunque guardare, con intelletto d’amore e con saggio realismo, alla realta’ della famiglia, oggi, in tutta la sua complessita’, nelle sue luci e nelle sue ombre”. “Per queste ragioni – afferma il Papa – ho ritenuto opportuno dare un nuovo assetto giuridico all’Istituto Giovanni Paolo II” e “sono venuto alla deliberazione di istituire un Istituto Teologico per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, ampliandone il campo di interesse, sia in ordine alle nuove dimensioni del compito pastorale e della missione ecclesiale, sia in riferimento agli sviluppi delle scienze umane e della cultura antropologica in un campo cosi’ fondamentale per la cultura della vita”.