Napoli capitale dell’endometriosi dal 14 al 16 settembre: al congresso medici da tutto il mondo

 Napoli capitale della lotta all’endometriosi dal 14 al 16 settembre con il congresso internazionale Endometriosis 2017.
Storia e tecnologia si fonderanno infatti a Castel dell’Ovo nel corso della tre giorni di full immersion che vedrà protagonisti più di 900 chirurghi ginecologi provenienti da 52 Paesi del mondo.
Per la prima volta quindi il castello, uno dei simboli della città di  Napoli, ospiterà un congresso scientifico con supporti  altamente tecnologici e sofisticati : trasmissioni audio e video in diretta dalla clinica Ruesch,  proiezioni in 3D e dibattiti interattivi realizzati grazie ad un sofisticato sistema intranet e che renderanno questo congresso un evento unico nel suo genere.
L’evento,  ideato e promosso dal Prof. Mario Malzoni, Direttore del Centro di Chirurgia Pelvica Avanzata  presso la Casa di Cura Malzoni (Avellino) e  presidente in carica della Società Italiana di Endoscopia Ginecologica (SEGi), si svolgerà  nell’esclusiva location  degli spazi  Castel dell’Ovo, organizzato dalla  BLUEVENTS s.r.l.  con il supporto  locale  di  Solaria Service s.r.l.  .
Una tre giorni con i migliori specialisti  mondiali del settore, invitati dal Prof. Mario Malzoni per confrontarsi sugli aspetti di una patologia benigna ma dai risvolti spesso invalidanti.
Co-presidenti dell’evento insieme al Prof. Mario Malzoni altri tre chirurghi leaders nel campo della ginecologia endoscopica: il brasiliano Prof. Mauricio Abrao , socio fondatore e past-president della Società Brasiliana di Endometriosi, attuale Direttore del Dipartimento di Endometriosi presso l’Università di San Paolo (USP); lo statunitense  Prof. Harry Reich , pioniere della chirurgia endoscopica ginecologica con il primato mondiale  dell’esecuzione della prima isterectomia  (1989) e linfoadenectomia pelvica (1991) con tecnica laparoscopica; il francese Arnauld Wattiez , attualmente Direttore del Dipartimento di Ginecoogia del Latifa Hospital di Dubai, past-president ESGE (European Society for Gynaecological Endoscopy) e responsabile scientifico  IRCAD (Università di Strasburgo) per il settore ginecologico .

IL PROGRAMMA 

Il programma dell’evento , articolato in tre giornate, prevede l’alternanza di letture magistrali con interventi di chirurgia laparascopica trasmessi in diretta nelle aule del congresso dalle sale operatorie della Clinica Ruesch di Napoli, uno dei fiori all’occhiello della sanità privata napoletana, struttura all’avanguardia ed attrezzata per procedure di chirurgia pelvica endoscopica avanzata.
Una vera e propria “maratona chirurgica”, con almeno 11 procedure  in programma ad alta complessità, fino a pochi anni fa considerate off-limits, eseguite tutte con tecniche di chirurgia mini-invasiva endoscopica .La chirugia laparoscopica si caratterizza per gli enormi vantaggi per le pazienti in termine di ricovero più breve, minor dolore postoperatorio, ripresa più rapida con ritorno alle normali attività lavorative in tempi ridotti. La chirurgia mini-invasiva consente maggiore precisione del gesto chirurgico con comprovata riduzione delle complicanze.
L’endometriosi non colpisce esclusivamente l’apparato genito-riproduttivo, ma potenzialmente tutti gli organi pelvici e talora anche extrapelvici, richiedendo approcci chirurgici combinati spesso con  necessità di procedure di chirurgia urologica e colo-rettale contestuali, effettuate da alcuni chirurghi tutte in prima in persona, in altri casi con equipe multi-disciplinari.
Si esibiranno infatti, insieme al Prof. Mario Malzoni, indiscussa autorità nel campo della chiurgia pelvica endoscopica avanzata,  i maggiori esperti al mondo nel trattamento chirurgico dell’endometriosi pelvica severa.
Una grande novità nel mondo della chirurgia pelvica endoscopica è l’ausilio delle tecnologie 3D, che avranno ampio spazio nel corso delle procedure chirurgiche effettuate con trasmissione live nelle aule congressuali allestite ad hoc per la fruizione delle stesse da parte di tutti i partecipanti.
Ampio spazio alle nuove tecnologie in Endometriosis2017. Tutti i partecipanti infatti , dalle sale di Castel dell’Ovo, avranno  anche la possibilità di interagire direttamente con chairmen, discussants e con i chirurghi all’opera (collegamento audio/video con le sale operatorie) mediante l’allestimento di un sistema informatico a rete interna protetta che consentirà  la comunicazione in tempo reale a mezzo smartphone per dibattiti interattivi.
Tanta chirurgia all’avanguardia ma non solo. Previste lezioni magistrali tenute  da parte dei maggiori esperti al mondo circa la diagnosi della malattia endometriosica, la sua gestione conservativa,  le prospettive di terapia medica più innovative  e la salvaguardia del potenziale riproduttivo con tutti gli ultimi sviluppi anche dal mondo della procreazione medicalmente assistita.
Uno sforzo organizzativo notevole per un evento di portata mondiale che vede coinvolti oltre 90 membri della faculty, provenienti da 18 diverse nazioni,  e la partecipazione di oltre 900 iscritti , di 52 diverse nazionalità, da tutti continenti, dal Sud America al Sud-est asiatico, richiamati a Napoli dall’altissima  qualità scientifica del programma.

ENDOMETRIOSI: LO SCENARIO

Quello dell’Endometroisi rappresenta un argomento di particolare  attualità se si considera la prevalenza  attuale della patologia endometriosica, attualmente stimata in circa 176 milioni di donne nel mondo; colpisce infatti fino al  17% delle donne in età riproduttiva e la prevalenza sale al 47% nelle pazienti con problematiche di infertilità.
Parlare di endometriosi è fondamentale: purtroppo l’insufficiente conoscenza dell’argomento, da parte delle donne da un lato e della comunità medica dall’altro si correla ancora oggi con un ritardo diagnostico medio  di  circa 9 anni dall’insorgenza dei sintomi , e questo non solo nello scenario italiano ma internazionale .
Un ritardo inaccettabile se si considera l’impatto potenzialmente invalidante della patologia sulla vita della donna: oltre infatti ad una correlazione del 40% circa con rischio di problematiche riproduttive, trattasi di una condizione che , quando sintomatica (e lo è nella maggioranza dei casi) si associa ad astenia/faticabilità,  dolore frequentemente  intenso addominale/pelvico ciclico e/o cronico, spesso con ripercussioni anche severe sulla sfera sessuale (dispareunia- dolore con i rapporti- fino talora all’apareunia- impossibilità ad avere rapporti)  e sulla funzionalità dell’apparato urinario e gastrointestinale.
Considerando la cronicità della patologia, ne derivano conseguenze talora drammatiche sulla qualità di vita della donna con inevitabili risvolti sul piano personale, lavorativo e sociale : si stima infatti un impatto negativo fino al 45-48% sulle relazioni familiari e sociali, fino al 71% sulle dinamiche di coppia, fino al 13% in termini di assenteismo dal lavoro e fino al 64% in termini di improduttività lavorativa. Non sorprende  dunque anche l’incremento dell’incidenza di disturbi reattivi del tono dell’umore nelle pazienti affette dalle forme più severe di tale condizione .
L’aspetto più grave è che una scarsa conoscenza del fenomeno può spesso indirizzare a diagnosi fuorvianti , con conseguenti trattamenti errati, quando non addirittura  ad etichettare le pazienti come esclusivamente affette da disturbi di carattere psicogeno.
Non da ultimo, anche in caso di identificazione corretta della patologia, che benchè benigna può deteminare un sovvertimento dell’anatomia degli organi pelvici  paragonabile se non peggiore rispetto a quanto osservabile anche in condizioni neoplastiche,  il trattamento delle pazienti in centri non adeguatamente specializzati può determinare il ripetersi di approcci chirurgici molteplici, non risolutivi, spesso inutili quando non addirittura dannosi .
Attualmente non è possibile effettuare una vera e completa  attività di prevenzione nei confronti della patologia, ma di certo abbiamo gli strumenti per una diagnosi precoce e per l’attuazione dunque di terapie idonee atte quantomeno a ridurne l’impatto potenzialmente devastante .
Un motivo in più  dunque per conoscere ed educare , per diffondere la cultura di una corretta identificazione e  gestione dell’endometriosi non solo tra ginecologi specialisti ma anche tra altri professionisti del settore e pazienti, come accadrà nel corso della sessione “Meet the Experts: open table with patients’ associations” che si terrà nella fase di chiusura dell’evento nel pomeriggio  del 16 settembre, con accesso libero  previa iscrizione online  (http://www.endometriosis2017.com) e che vedra’ la graditissima e cortese  partecipazione dell’attrice Lorenza Indovina ad introdurre e condurre il  dibattito aperto.

DICHIARAZIONE DI MARIO MALZONI 

“Quella di Napoli -spiega il Prof.Mario Malzoni – rappresenterà per la comunità scientifica internazionale una grande opportunità di confronto in un momento in cui il nostro settore sta conoscendo sviluppi costanti e spesso difficili da monitorare. L’obiettivo è quello di fornire un aggiornamento completo, dalla diagnosi al trattamento clinico e chirurgico, con particolare attenzione anche alla tutela del potenziale riproduttivo delle pazienti, e questo grazie soprattutto  alla presenza dei maggiori  esperti del settore, stimatissimi colleghi ed amici da tutto il mondo che hanno immediatamente  condiviso questo entusiasmante progetto. E tutto questo perché – conclude Malzoni – “crediamo che la migliore gestione della  paziente affetta da endometriosi debba derivare dalla creazione di una rete specializzata di centri di riferimento per la diagnosi ed il trattamento e, a tal fine, una conoscenza completa della malattia è fondamentale per qualsiasi clinico che la affronti nella sua pratica quotidiana”.