Agcom: a breve nuovo Libro bianco su media e minori

Tra le sfide che attendono l’Agcom, c’e’ in primis garantire “una tutela efficace nei confronti dei soggetti piu’ deboli nella catena della comunicazione. Mi riferisco in primis ai minori e in particolare ai piu’ giovani che spesso spendono gran parte del loro tempo non piu’, e comunque non solo, davanti alla tv, ma davanti ad un device connesso alla rete”. Lo dice il presidente Angelo Marcello Cardani nel suo discorso in occasione della presentazione della Relazione annuale. “Se nel corso degli anni passati la televisione lineare era il mezzo di comunicazione di massa principale da regolamentare, vigilare e se del caso sanzionare, oggi – ricorda – gli strumenti si sono moltiplicati frammentando il tradizionale concetto di palinsesto in milioni di cataloghi e siti da poter esplorare. In tale contesto, l’Autorita’ presentera’ il nuovo libro bianco sul rapporto tra media e minori quale vademecum non solo per i broadcaster, ma anche e soprattutto per i genitori: sono proprio loro chiamati ad uno sforzo supplementare di comprensione dei loro figli, esposti come mai nella storia ad una infinita’ di informazioni, dati e stimoli della rete”. Tra i prossimi campi di azione, Cardani cita anche il “migliore ed esteso utilizzo dei dati sulle rilevazioni degli indici di ascolto”, il regolamento in tema di gestione collettiva dei diritti d’autore e il contrasto al secondary ticketing.