Milano, lavoro: gli smart worker sono più i più soddisfatti tra i lavoratori

 Gli smart worker sono piu’ soddisfatti rispetto alla media dei lavoratori: su un campione di 1.004 dipendenti, il 35% di questi e’ piu’ sereno grazie a nuove forme di lavoro flessibile, contro il 15% dei lavoratori tradizionali, per l’opportunita’ di conciliare meglio vita privata e lavorativa e per la possibilita’ di un avanzamento piu’ rapido di carriera. Il dato e’ emerso nel corso del convegno “Smart work, better life”, organizzato dal Centro europeo di studi manageriali (Cesma) in partnership con Abbott e la School of Management del Politecnico di Milano. Il cosiddetto lavoro ‘agile’, infatti, consente, a loro avviso, di sviluppare maggiori abilita’ e conoscenze propedeutiche ad un’evoluzione professionale che viene valutata “eccellente” dal 41% degli smartworker, rispetto al 16% degli altri lavorato.