Legge elettorale, Lorenzo Guerini: “Chi strappa spieghi perchè lo fa agli italiani”

“Se qualcuno fa saltare il tavolo dovra’ lui risponderne agli italiani. Noi la nostra parte l’abbiamo fatta, la stiamo facendo e continueremo a farla”.

Lo afferma il coordinatore Pd, Lorenzo Guerini, in un’intervista al Corriere della Sera, parlando del voto di ieri alla Camera sulla legge elettorale. La legge elettorale potrebbe cadere sul voto finale, a seguito della votazione di domenica sul blog di Grillo? “Come il M5S definisce le modalita’ con cui assumere le proprie posizioni politiche e’ tema che riguarda il M5S e che io rispetto.

Dopodiche’, – aggiunge – troverei francamente singolare un ribaltamento di posizioni da parte di chi questa legge l’ha in parte proposta, l’ha votata in commissione e, io penso, la sosterra’ in Aula. Se cosi’ sara’ lo spiegheranno agli italiani”. Se dovesse saltare l’accordo, saltera’ anche la tentazione di Renzi di andare al voto anticipato? “Qua non c’e’ nessuna tentazione. Oggi siamo impegnati a fare la legge elettorale e non caricherei questo passaggio di significati che adesso non ha”, replica. Rispondendo alla critiche, anche interne, afferma che “quell’accordo porta all’unica legge possibile dentro questo Parlamento, che ha forze che hanno prodotto una spinta proporzionalista“.