Cdx, Matteo Salvini: “Serve leader con idee chiare, no a minestroni”

Chi sara’ il leader del nuovo centrodestra e’ presto per dirlo, ma di sicuro deve avere le idee chiare sul progetto. Lo spiega il segretario della Lega Matteo Salvini, in una intervista su radio Rtl. “Chiunque si candidera’ e’ importante che abbia un progetto e una squadra. E il progetto non puo’ essere un minestrone – dice – Deve essere chiaro sull’Europa, sulla limitazione dell’immigrazione, la drastica riduzione delle tasse. A me interessa che si condivida il progetto e sicuramente non lo condivido con quella gente li’, gli Alfano e i Cicchitto”. Quanto a Stefano Parisi, ex candidato sindaco di Milano e fondatore di Energie per l’Italia, dipende da quello che pensa sui temi cari alla Lega. “Parisi e’ stato un ottimo candidato sindaco – risponde il segretario – Ma bisogna vedere cosa pensa sul fatto che l’Ue e’ una gabbia mortale non solo per l’Italia, che continua a riempire di miliardi la Turchia. Ditemi se e’ normale litigare con la Russia di Putin e poi dare miliardi la Turchia dove vengono arrestati militari, insegnanti, giudici, ogni giorno. Vi sembra normale far parte di una Unione – chiede retoricamente – che litiga con Putin e va a braccetto con Erdogan? Ecco, c’e’ da capire cosa pensa Parisi di tutto questo, del superamento dell’euro, della legittima difesa e altri progetti che la Lega portera’ avanti”. La strada comunque sembra tracciata: “si votera’ al piu’ tardi tra un anno perche’ Renzi e’ bollito. Io non voglio mettere insieme minestroni o marmellate”.