Paolo Gentiloni: “Alitalia non si può nazionalizzare”

L’ennesimo capitolo della vicenda Alitalia scatena ancora una volta riflessioni e interrogativi nel mondo economico e politico. A partire del premier Paolo Gentiloni, che ha chiarito: “Sulla questione Alitalia bisogna dire la verità, l’ho già detta prima, lo dico anche adesso: non ci sono le condizioni per una nazionalizzazione di Alitalia. Tuttavia il governo si sente impegnato a difendere lavoratori, utenti, contribuenti e cittadini per non disperdere risorse e asset della compagnia. Ci lavoreremo sapendo tuttavia che l’esito del referendum rende più difficile la sfida”.

“Non posso tacere la preoccupazione per quello che sta accadendo ad Alitalia”, ha proseguito Gentiloni. “Bisognerebbe – ha aggiunto – essere in grado di stare sul mercato per competere. Da parte mia c’è stata delusione per il fatto che l’opportunità dell’accordo tra aziende e sindacati non sia stata colta”.

Alitalia verso il commissariamento, cda: i voli non si fermano

 

Alitalia, Carlo Calenda: “O si liquida o si vende”