Silvio Berlusconi torna in campo: “Alle elezioni io ci sarò”

“Contate su di me. Io ci saro'”. Silvio Berlusconi, senza attendere Godot (leggesi Corte di Strasburgo) fa sapere che, candidabilita’ o meno, intende essere alla guida della futura campagna elettorale. Convinto, e non da ora, di poter spostare non pochi voti a favore della sua compagine. Un messaggio, quello che arriva da Villa Gernetto, alla riunione dei “seniores” azzurri, che sembra indirizzato anche a chi, sondaggi alla mano, tenta di strappargli lo scettro del centrodestra. Raccogliendo anche il plauso di Francesco Storace: “Bravo Silvio, che annuncia che si puo’ fare campagna elettorale, anche senza essere candidato. Esattamente come faro’ io. La politica non e’ solo una poltrona” Berlusconi sparge ottimismo e richiami al suo carisma elettorale, ricordando i 200 milioni di voti tributatigli in questi anni. “Confido in Strasburgo ma se anche per assurdo non potessi candidarmi saro’ comunque in campo per fare la campagna elettorale. D’altronde neppure Renzi e Grillo sono in Parlamento. I sondaggi dicono che sul referendum ho spostato il 5% a favore del No. Faro’ la stessa cosa in campagna elettorale, proprio come accadde nel 2013”. Il tutto con un secco quanto fondamentale ‘no’, se si vuole giocare la partita, ad un ritorno al maggioritario, improponibile secondo il Cavaliere in questa Italia politica tripolare. E con un giuramento: “Il centrodestra restera’ unito”. Come d’uso, non mancano le promesse in caso di ritorno alla guida del Paese. Con un occhio all’eta’ della platea: “Vogliamo garantire – dice ai seniores – una pensione minima a 1.000 euro per tutti. La pensione alle mamme per dare loro una vecchiaia dignitosa e serena. Un sussidio di compensazione per le famiglie in condizione di poverta’ assoluta e relativa. Una convenzione con i cinema per l’ingresso gratuito agli anziani. Viaggi gratuiti per gli anziani in treno in certi giorni della settimana. Cure odontoiatriche gratis per gli anziani. Aiuti agli anziani che possiedono un animale domestico”. E poi, dato che la poverta’ aumenta ed e’ su questo disagio sociale che M5s fa leva per crescere nei consensi, serve fare di piu’: “Partendo dall’imposta negativa sul reddito di Milton Friedman proponiamo di integrare i redditi insufficienti. Questo, tagliando le spese, si puo’ fare”. Un programma che, ribadisce, si basa sui valori cristiani fondanti. Ma che comprende anche l’esigenza di una maggiore sicurezza dei cittadini: “Per questo occorre passare dalla legittima difesa al diritto di difesa”. Un intervento che spazia su tanti temi (compresa l’esigenza di una difesa comune europea) e uno caro a Berlusconi: gli animali. “Anche gli animali hanno diritti, non solo gli uomini. Sono esseri senzienti. Chi uccide un animale deve andare in galera. Gli animali devono poter entrare in tutti i luoghi pubblici e aperti al pubblico. Dobbiamo aiutare e finanziare i canili e i gattili. Invito tutti i militanti di Forza Italia ad adottare un cane o un gatto”.