Giustizia, Stefano Parisi: “Parlamento legiferi in modo chiaro senza norme confuse”

“Netta separazione tra potere legislativo ed esecutivo e potere giudiziario. È uno dei capisaldi della nostra Costituzione. Sempre più inattuata. L’articolo di Arturo Celletti e Eugenio Fatigante di oggi sull’Avvenire dice finalmente parole chiare sul punto. I magistrati che entrano in politica devono lasciare la magistratura. Definitivamente. Abbiamo troppi casi di comportamenti vissuti che gettano un’ombra sul comportamento di alcuni magistrati entrati in politica o di magistrati oggi di ruolo con un passato in politica. La politica deve rivendicare la propria indipendenza dalla magistratura e la magistratura deve essere gelosa della propria indipendenza e credibilità. Il Parlamento legiferi in modo chiaro, senza norme confuse o compromissorie. Il popolo italiano non capirebbe un’ulteriore mediazione tesa a salvaguardare posizioni di privilegio. Chi fa politica mette la propria vita in gioco per gli altri”. Lo dichiara Stefano Parisi, leader di Energie PER l’Italia.