Strage al mercatino di Natale di Berlino: 12 morti e 48 feriti. Attentatore è un pakistano

E’ salito a 12 morti e 48 feriti il bilancio dell’attacco di ieri sera ad un mercatino di Natale a Berlino. Per la prima volta dall’apertura delle indagini, la polizia tedesca ha parlato di “probabile attacco terrorista”. Le autorità hanno anche riferito che l’uomo trovato morto nel camion, identificato come cittadino polacco, non si trovava al volante quando il tir è piombato sul mercatino.

A quanto riferisce l’emittente pubblica tedesca ‘RBB’, l’uomo al volante è un cittadino pachistano arrivato in Germania nel 2015, entrato in qualità di rifugiato il 31 dicembre 2015 attraverso il posto di confine di Passau, città bavarese alla frontiera con l’Austria.

L’uomo sarebbe di nazionalità pachistana, ma fonti della sicurezza hanno spiegato all’agenzia stampa Dpa che non è stato ancora possibile identificarlo con certezza assoluta dato che in passato si è servito di diverse identità. Il quotidiano ‘Tagesspiegel’ scrive che l’uomo arrestato era noto alla polizia per reati minori ma non in relazione ad attività terroristiche.

PERQUISIZIONI – Intanto le forze speciali tedesche hanno perquisito un campo profughi nell’ex aeroporto Tempelhof di Berlino. L’ex scalo ospita il più grande campo di rifugiati della città. Fonti della sicurezza hanno riferito all’agenzia ‘Dpa’ che il sospetto autista killer del camion era arrivato in Germania attraverso la cosiddetta rotta dei Balcani e viveva a Berlino dall’inizio di quest’anno.