Terremoto: forte scossa avvertita in Marche e Umbria

 Una forte scossa di terremoto e’ stata avvertita poco prima delle 9 nelle Marche e in Umbria. Il sisma si e’ sentito distintamente anche ad Ancona. Sono in corso verifiche della Protezione civile.

Continuano le scosse di terremoto. Anche oggi continueranno i soccorsi alle persone e le verifiche dei danni, ingentissimi in numerosi centri abitati del reatino, dei monti Sibillini, della conca amatriciana e della Valnerina. In assenza di un numero ufficiale di sfollati, risulta che i senza cassa nelle Marche sarebbero 25mila, quasi tutti concentrati (circa 21mila) nella provincia di Macerata. In Umbria invece gli sfollati sarebbero piu’ di cinquemila (di cui 2.800 assistiti), in Abruzzo i ‘fuori casa’ 3.000, mentre nel Lazio i soli assistiti circa 800. Anche oggi alcuni di loro saranno trasferiti in alberghi della costa adriatica, mentre e’ in fase avanzata l’allestimento di alcune tensostrutture nell’area di Norcia, dove troveranno temporaneo riparo alcune persone che ieri hanno protestato rifiutando il trasferimento nei centri marini. Ieri il Consiglio dei ministri ha stanziato nuovi fondi per l’emergenza ed ha inoltre deciso le modalita’ di intervento nelle aree colpite dal sisma, che ricalchera’ il percorso gia’ adottato in Irpinia dopo il terremoto del 1980: entro Natale saranno pronti alcuni campi container, a primavera saranno montati i moduli abitativi prefabbricati e comincera’ la ricostruzione del patrimonio edilizio ed artistico.